A Marnate tiene banco la questione sicurezza

0
124
Aquila, conferimento della Cittadinanza onoraria all’Arma dei Carabinieri

A Marnate tiene banco la questione sicurezza. Le segnalazioni si moltiplicano. Sui social o nel dialogo diretto tra cittadini. E il ritornello che da tutti risuona è unanime: abbiamo paura, vogliamo stare in maggiore tranquillità e quindi serve maggiore sicurezza.

A Marnate non trascorre ormai giorno senza che cittadini segnalino episodi di furti tentati o riusciti, movimenti sospetti, presenza di individui dalle intenzioni poco chiare o mai visti prima.

I marnatesi da tempo non si sono limitati all’indignazione ma, di concerto con amministrazione comunale e comando di Polizia Locale, si sono messi di buzzo buono aderendo al progetto del “Controllo di vicinato”.

Che, basandosi sulla reciproca collaborazione tra cittadini di una stessa zona che vedono qualcosa di sospetto e si tengono in costante contatto tra loro  e segnalano il tutto alle Forze dell’ordine, qualche risultato l’ha dato.

Ma ancora, a quanto pare, non basta. E quindi è necessario potenziare questo discorso. L’intenzione alberga anche nella mente del sindaco Marco Scazzosi che, proprio con lo scopo di allargare la famiglia di questo sistema di prevenzione, ha voluto indire una serata per il prossimo primo marzo.

“Ci sono ormai diverse segnalazioni fatte ogni giorno da nostri concittadini – spiega il primo cittadino del municipio di piazza sant’Ilario – e quindi abbiamo deciso di promuovere un’altra serata informativa per cercare di espandere la partecipazione a questa forma di aiuto all’azione delle forze dell’ordine”.

Perché, appunto, il “Controllo di vicinato” nasce come stretta collaborazione con Polizia, Carabinieri e Polizia Locale e non con lo spirito di creare sceriffi “fai da te”.

Sotto il cielo di Marnate l’idea, anche grazie all’instancabile azione di coinvolgimento e di raccordo dei varii coordinatori e della Polizia Locale coordinata dal comandante  Rossano Belloni, ha attecchito. Ma di sicurezza vi è sempre bisogno e quindi ogni ulteriore adesione è acqua al mulino di un paese più tranquillo.

 

Cri. Co.

Rispondi