I Carabinieri e lo sport: una chance per i giovani

sottoscritto un protocollo d’intesa finalizzato ad agevolare lo sviluppo tecnico agonistico degli atleti di interesse nazionale e dei giovani praticanti il pugilato.

0
23
I Carabinieri e lo sport: una chance per i giovani
Napoli, inaugurazione sezione giovanile pugilato

I Carabinieri e lo sport: una chance per i giovani, sottoscritto un protocollo d’intesa finalizzato ad agevolare lo sviluppo tecnico agonistico degli atleti

In mattinata a Napoli, presso la sede del 10° Reggimento Carabinieri “Campania”, il Comandante Generale dell’Arma Tullio Del Sette ha inaugurato, all’interno della palestra della caserma, la nuova Sezione giovanile di Pugilato del Centro Sportivo Carabinieri. Per l’occasione i Comandanti del Centro Sportivo, Col. Gianni Massimo Cuneo, e del 10° Reggimento Carabinieri, Ten. Col. Mosè De Luchi, e il Presidente della Federazione Pugilistica Italiana – FPI, Vittorio Lai, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa finalizzato ad agevolare lo sviluppo tecnico agonistico degli atleti di interesse nazionale e dei giovani praticanti il pugilato.

I Carabinieri e lo sport
I Carabinieri e lo sport

In particolare il Centro Sportivo garantirà assistenza tecnica ai giovani sportivi del settore con tecnici e preparatori atletici per allenamenti e gare, assicurando la partecipazione degli atleti più meritevoli alle attività collegiali. Analogamente farà la FPI a favore dei giovani atleti della nuova sezione giovanile dell’Arma, oltre a garantire la frequenza gratuita dei corsi di formazione ai tecnici della Sezione Pugilato del Centro Sportivo Carabinieri. Il 10° Reggimento, dal canto suo, metterà a disposizione delle Squadre Nazionali della FPI la palestra e l’alloggiamento gratuito di tecnici e atleti in occasione di allenamenti congiunti con gli atleti dell’Arma e con i ragazzi della sezione giovanile.

I Carabinieri e lo sport
I Carabinieri e lo sport

Nel pomeriggio il Gen. Del Sette si recherà presso la Caserma Salvo d’Acquisto di Velletri (RM), sede del 2° Reggimento Allievi Marescialli e Brigadieri, ove sono state inaugurate nuove strutture: un percorso ginnico, una pista per la corsa campestre, un campo da pallavolo e un’area addestrativa tecnico professionale.

Lo sport è un fattore determinante nella formazione fisica e morale del Carabiniere. L’Arma lo ritiene un importante veicolo di legalità per i giovani, poiché trasmette i valori dell’impegno, del sacrificio, del rispetto delle regole e del prossimo.

Napoli 5 dicembre 2017

La Redazione

Rispondi