Carta sconto benzina:mozione presentata dai consiglieri regionali dei gruppi Lega Nord e Maroni

0
29
Carta sconto benzina:mozione presentata dai consiglieri regionali dei gruppi Lega Nord e Maroni

 Carta sconto benzina:mozione presentata dai consiglieri regionali dei gruppi Lega Nord e Maroni.

Nella giornata di oggi l’Aula del Pirellone ha approvato una mozione presentata dai consiglieri regionali dei gruppi Lega Nord e Maroni Presidente sulla Carta sconto benzina.

Nel merito è intervenuto il firmatario e consigliere regionale del Carroccio, Emanuele Monti.

“La mozione approvata oggi – spiega Emanuele Monti – chiede a Regione Lombardia di attivarsi in tempi rapidi presso il Governo nazionale per evitare i tagli alla Carta Sconto benzina.

La bozza di Legge di Stabilità nazionale infatti contiene anche questa spiacevole novità: una riduzione dei fondi che rischia di riportare indietro le lancette a quando si verificava l’esodo di automobilisti per il rifornimento nella vicina Confederazione Elvetica.

Personalmente ho voluto che questa mozione, di cui sono firmatario, fosse trattata dal Pirellone nel minor tempo possibile.

Come Lega Nord infatti siamo stati i primi ad accorgerci e a sollevare la questione con forza e il nostro gruppo parlamentare ha lavorato ad un emendamento che tolga questi tagli.

Considerazioni politiche a parte lo Stato centrale dimostra una volta di più la sua scarsissima considerazione nei confronti delle aree di frontiera, un tentativo di furto con destrezza che bisogna assolutamente sventare.

Questo problema riguarda le zone di confine della nostra Lombardia, in particolare la Provincia di Varese; se il provvedimento venisse confermato chi ne farebbe spese sarebbero benzinai e cittadini del nostro territorio, il tutto unicamente a vantaggio delle stazioni di servizio svizzere.

Considerato il voto favorevole in Aula da parte degli esponenti del Pd lombardo, auspico un interessamento fattivo, finalizzato ad una pressione per fare in modo che chi governa a Roma faccia retromarcia su questo punto.

Così non fosse – chiosa Emanuele Monti – la presa di posizione dimostrata dai democratici si rivelerebbe unicamente di facciata, una brutta figura in più, nel tentativo di mettere una pezza su quanto deciso dai loro colleghi di partito.”

Rispondi