Questura di Varese – Squadra Volanti – Controlli in Piazza della Repubblica.

0
40
Varese, controlli anti-droga della Questura -Squadra Volanti

POLIZIA DI STATO  –  Questura di Varese – Squadra Volanti – Controlli in Piazza della Repubblica.

 

Ancora degli arresti eseguiti dagli uomini della Polizia di Stato di Varese nel corso del pomeriggio, nell’ambito dei predisposti servizi di repressione dell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti in questa piazza della Repubblica.

 

In particolare, ieri pomeriggio verso le 18:30, gli uomini della Squadra Mobile e della Squadra Volante hanno arrestato per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti un cittadino nigeriano, S.A., irregolare sul T.N., senza fissa dimora e pluripregiudicato per reati predatori, in materia di stupefacenti e di immigrazione. Lo straniero, colto nella flagrante cessione di gr. 1.3 di marijuana e gr. 0.3 di hashish, veniva sottoposto a perquisizione personale di 25 euro che venivano sequestrati in quanto ritenuti provento dell’attività di spaccio. 

 

Successivamente, un altro cittadino nigeriano, M.A.R., regolare sul T.N., notando un operatore della Polizia Scientifica, in abiti civili, intento a riprendere la scena, lo ha affrontato con fare minaccioso brandendo una bottiglia di birra. In ausilio di quell’operatore sono intervenuti due agenti della volante che hanno cercato di bloccare lo straniero. Questi, anziché desistere dal suo intento, si scagliava contro i due poliziotti in divisa colpendo uno di loro con un calcio nonostante fosse immobilizzato. L’agente colpito, prontamente soccorso, è stato accompagnato presso il locale pronto soccorso dove è stato medicato al ginocchio destro e giudicato guaribile in giorni 15.

Il nigeriano è stato quindi tratto in arresto per il reato di resistenza, lesioni e minaccia  a  Pubblico Ufficiale.

Su disposizione dell’A.G. è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del Processo con rito per direttissima previsto per la mattinata odierna.

 

Infine, nell’ambito dello stesso controllo, un terzo straniero, M.S.C., cingalese regolare sul T.N., è stato deferito all’A.G. per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale, danneggiamento aggravato e rifiuto di fornire le proprie generalità. Alla vista degli operatori, lo straniero, con fare sospetto, si copriva il capo con il cappuccio della felpa e alzava il giubbotto occultando completamente il viso e rendendosi di fatto irriconoscibile. Avvicinato dagli agenti lo straniero, visibilmente irritato, rifiutava di fornire le proprie generalità: veniva pertanto accompagnato in Questura, non senza aver opposto una veemente resistenza e aver danneggiato un bene dell’Amministrazione.

 

Rispondi