Marocchino e tunisino estorcevano denaro al sacerdote che li aveva ospitati

Per tre lunghi anni i due stranieri avrebbero continuato, mese per mese, a farsi consegnare dal religioso, minacciandolo, somme di denaro per mantenere il silenzio sui presunti rapporti intimi intercorsi.

0
66
Marocchino e tunisino estorcevano denaro al sacerdote che li aveva ospitati
Marocchino e tunisino estorcevano denaro al sacerdote che li aveva ospitati

Marocchino e tunisino estorcevano denaro al sacerdote che li aveva ospitati per non rivelare presunti rapporti intimi consumati mentre erano suoi ospiti 

Il Gip di Busto Arsizio ha emesso un’ordinanza di custodia cautelate nei confronti di due stranieri, un marocchino e un tunisino rei di estorsione, rapina e lesioni personali nei confronti di un sacerdote del saronnese.

I due sono stati arrestati e condotti nel carcere di Busto Arsizio.

C’è il massimo riservo sulla vicenda, ma sembra che i due uomini, che erano stati ospitati in passato dal sacerdote, gli avrebbero estorto circa 11 mila euro minacciandolo di rendere noti alcuni presunti rapporti intimi consumati nel periodo in cui erano ospiti del religioso.

Per tre lunghi anni i due stranieri avrebbero continuato, mese per mese, a farsi consegnare dal religioso, minacciandolo, somme di denaro per mantenere il silenzio sui presunti rapporti intimi intercorsi.

Le richieste di denaro dei due stranieri si facevano sempre più insistenti e pressanti fino ad una richiesta che il sacerdote aveva finalmente rifiutato nel maggio scorso e finita con un’aggressione da parte di uno dei due.

A quel punto il religioso si è convinto a sporgere la denuncia ai carabinieri che raccolto il suo racconto hanno ricostruito tutta la vicenda che ha portato alla ordinanza, effettuando controlli pedinamenti e perquisizioni.

Dopo l’arreso dei due le indagini proseguono per identificare un terzo personaggio che, a sua volta, avrebbe richiesto altro denaro al sacerdote, senza riuscirvi a causa dell’’intervento dei carabinieri.

Saronno 11 ottobre 2017

La Redazione

Rispondi