Compra una borsa e partecipi al sorteggio di uno stage

 “Chissà chi me l’ha fatto fare di iscrivermi all’università, quando potevo comprare una borsa”

0
51
Compra una borsa e partecipi al sorteggio di uno stage
Compra una borsa e partecipi al sorteggio di uno stage
Compra una borsa e partecipi al sorteggio di uno stage è l’iniziativa boomerang della Carpisa che ha scatenato l’ira sui social
Ha suscitato molto scalpore l’iniziativa della Carpisa che ha lanciato una specie di lotteria tra i ragazzi di età compresa tra 20 e 30 anni in cerca di impiego.
Per avere la possibilità di svolgere il tirocinio di un mese, oltre a al tradizionale curriculum, bisognava anche comprare una borsa da donna della collezione autunno-inverno 2017/2018 ed elaborare gratis un piano di comunicazione efficace per l’azienda di pelletteria.
Il vincitore avrebbe potuto fare uno stage della durata di 1 mese presso l’ufficio marketing & advertising della società promotrice.
Ma non era un gioco da ragazzi, come poteva far credere il titolo del bando, in scadenza il 6 settembre.
Per ottenere uno stage di un mese a 500 euro più alloggio in foresteria e pranzo in mensa aziendale presso l’ufficio comunicazione dell’azienda a Nola, in provincia di Napoli, i partecipanti avrebbero inoltre dovuto rinunciare a tutti i diritti sul proprio progetto, sul cui eventuale utilizzo in futuro “non potranno avanzare richieste economiche“.
L’iniziativa, che voleva essere originale, si è trasformata in un boomerang per l’immagine dell’azienda che è stata costretta a scusarsi per “la superficialità con cui è stato affrontato un tema così delicato come quello del lavoro”.
La Carpisa è stata attaccata perché è sembrato che fosse stato solo un modo per farsi pubblicità e aumentare i ricavi.
 “Chissà chi me l’ha fatto fare di iscrivermi all’università, quando potevo comprare una borsa” è stato uno dei commenti apparsi su Twitter, dove l’hashtag #Carpisa ha avuto un gran seguito per l’intera giornata.
“Il risultato di anni di politica attenta sul lavoro” – “Purtroppo finché ci sarà qualcuno disposto ad accettare condizioni simili, la “fantasia” delle aziende non avrà limite” – “Fossi in voi non sprecherei un piano di comunicazione per diventare stagista da #Carpisa. Tanto a breve si libera un posto da resp marketing” -“Ricapitolando: – #Carpisa ti offre uno stage (sotto)pagato – che alla fine però paghi tu perché, per partecipare, devi comprare una borsa”.
Napoli 07 settembre 2017
Fabrizio Sbardella
 

Rispondi