ATTO VANDALICO AL COMUNE DI SARONNO

0
62
COMUNICATO SULL’ ATTO VANDALICO AL COMUNE DI SARONNO

Ogni commento a un fatto come questo – mi riferisco ovviamente al recentissimo attentato contro beni e strutture del comune di Saronno – rischia di avere un fastidioso sapore ritualistico. Per l’ennesima volta ci ritroviamo a stigmatizzare, condannare, solidarizzare e quant’altro. In attesa del prossimo attentato, del prossimo atto vandalico o anche solo della prossima deturpazione di edifici o monumenti.
Il problema è che non sappiamo produrre altro che sterili geremiadi. Siamo gli “auspicatori” di qualcosa che non verrà mai, cioè di uno Stato che sappia fare sentire la sua forza ai mestatori e ai violenti, e non soltanto, come ora accade, ai miti e agli onesti. Siamo immersi in una cultura che perdona chi delinque, che trova ogni sorta di giustificazione – economica, sociologica, culturale – ai crimini efferati come agli stolidi atti di vandalismo quali quello che ha appena danneggiato il nostro Comune. Funziona da decenni un combinato disposto costituito da leggi perdoniste, giudici buonisti e stampa sinistra che non lascia scampo a chi vorrebbe fosse applicato l’ “unicuique suum tribuere” invano scolpito sulla facciata dei nostri tribunali. E così sentiamo oggi che le nostre parole di condanna suonano a vuoto, e ci prepariamo alle prossime che pronunceremo sullo stesso spartito.
Alfonso Indelicato (FDI-SARONNO)

Rispondi