SOMMA. SCANDALO: AUTO FUORI DAI PARCHEGGI UFFICIALI, SONO IN VIA ROMA

0
497
FOTO DI REPERTORIO

I parcheggi attorno all’aeroporto hanno sempre fatto parlare di sè e non sempre bene, seppure non sia il caso di generalizzare per non danneggiare i bravi operatori che sono la maggioranza.

Ci sono state fatte segnalazioni che abbiamo verificato e sono vere, visto che sono state confermate dall’Ass.Edoardo Piantanida.

In via Roma a Somma, qualcuno si è messo a contare,  ci sarebbero ben 27 auto che invece di stare nei parcheggi privati sono temporaneamente poste all’acqua e al vento.

Non saranno contenti gli utenti che pagano per mettere la loro auto al sicuro  e poi imbarcarsi per le tante sospirate e attese ferie e al ritorno si trovano qualche segno o ammaccatura.

Può capitare spostando le auto all’interno dei parcheggi e per questo di solito le auto vengono visionate prima del loro ingresso nei capannoni.

Poi magari capita una grandinata strardinaria e le auto che avrebbero dovuto essere al riparo, si trovano ammaccate.

La situazione si è già verificata e infatti qualche parcheggiatore ha evidenziato nelle condizioni contrattuali che non si leggono per la fretta di partire: “Per motivi di preparazione le auto potrebbero restare una giornata allo scoperto anche se richiesto il coperto”, evitando il problema.

Quasi tutti i parcheggi comunque avvertono:” Il parcheggio è presidiato 24 ore su 24 ed è monitorato da un sistema di video-sorveglianza di ultima generazione. Inoltre abbiamo una copertura assicurativa furto e incendio per offrire la massima protezione alla vostra automobile o moto,videosorvegliato e custodito, che ospita auto, camper, furgoni o moto, e a portata di tutti, accessibile anche a disabili e anziani”, altro avviso chiaro e limpido.

Qualche altro invece scrive:”Disponiamo di diverse opzioni di parcheggio per la stessa località. Ognuno di essi è ubicato in una zona differente”, che vuol dire? Spostano l’auto a piacimento da una zona all’altra, dove, come, quando ???

E arriviamo al nocciolo della questione, se le auto invece di essere al sicuro, recintate, videosorvegliate, assicurate per stare nell’area privata vengono messe in altre zone meno sicure, magari ai bordi della strade, o in zone periferiche varie, quali sono le garanzie per l’utente ?

Via Visconti è monitorato costantemente dalla Polizia Locale, così ci assicura l’Ass. Piantanida:”Stannno già facendo le verifiche incrociate” per capire di chi sono le auto che invadono il parcheggio dietro il Carrefour, togliendo posti agli abitanti ma nello stesso tempo turbando i sogni dei proprietari delle auto che potrebbero trovarsi una multa a Somma, mentre le auto dovrebbero essere da un’altra parte.

L’Assessore Piantanida precisa, visto che si vede la vetrofania dei parcheggi su diverse auto:”se hanno l’indicazione di un parcheggio non possono farle uscire”, anche se poi cerca di sdrammatizzare:”La situazione e andata migliorando negli anni, esistono ancora furbetti, gente che vive al limite della legalità, alcuni  portano l’auto  con la vetrofania del parcheggio altri no, quindi non è semplicissimo risalire”. I vacanzieri stiano tranquilli che la situazione è monitorata.
C’è però un modo di risalire e tranquillizzare gli utenti, la loro auto è ancora di più al sicura con la “scatola nera”, che le assicurazioni offrono in cambio di sconti  e permette in caso di contenzioso di verificare la posizione dell’auto e scoraggiare i “furbetti” dei parcheggi. Bastano pochi che lavorano male a impensierirci, sarà anche sbagliato ma è così.

redazione

VARESE PRESS

 

 

Rispondi