Varese, Gustando il Cinema-Emanuele Monti: “Perdita grave per la Città

La prima considerazione è che troviamo inammissibile il modo, profondamente scorretto, con cui è stata trattata una nota attrice che ha portato solo lustro e prestigio alla Città

1
84
Varese, Gustando il Cinema
Emanuele Monti: “Perdita grave per la Città, continuando così a Varese solo festival del nulla”
 
Milano, 12 luglio. “Lo stratega della valorizzazione territoriale, l’assessore Cecchi, quello che doveva far ‘rivivere Varese’ sul piano culturale, lo stesso che avrebbe dovuto portare grandi iniziative ed eventi, a quanto pare è così impegnato a non organizzare nulla da non riuscire nemmeno a garantire lo svolgimento della manifestazione ‘Gustando il Cinema’ di Sarah Maestri.” Così Emanuele Monti, consigliere regionale della Lega Nord al Pirellone.
 
“Apprendiamo dalla stampa infatti – prosegue Monti – che la struttura che fa capo all’Assessore Cecchi è sembrata decisamente poco incline a rispondere all’attrice Sarah Mestri, promotrice del Festival del Cinema, che ha inutilmente cercato per mesi di prendere contatti per lo svolgimento della sua iniziativa. Quando poi la risposta è arrivata, appena qualche giorno fa, questa si è rivelata negativa per ‘mancanza di fondi’, nonostante pochi mesi prima, al tempo dell’incontro fra la Maestri e l’assessore, questa problematica non fosse emersa.
La prima considerazione è che troviamo inammissibile il modo, profondamente scorretto, con cui è stata trattata una nota attrice che ha portato solo lustro e prestigio alla Città. 
A questo punto forse è il caso di fare il punto della situazione: prima lo stop al rilancio di Villa Mylius, poi i lavori per il ripristino della strada principale che porta al Sacro Monte finiti alle calende greche, adesso l’assurdo diniego per Gustando il Cinema. Andando avanti così l’unica kermesse possibile sarà un festival sulla morte culturale di Varese.
È chiarissimo ormai che le cose non vadano come dovrebbero; abbiamo dato un anno di tempo a Cecchi per lavorare e dimostrare le sue abilità di ‘guru del marketing territoriale’ e i risultati non sono arrivati, anzi la situazione è pure peggiorata pesantemente. Non soltanto non si vede nulla di nuovo all’orizzonte, ma quel che è peggio non si riesce nemmeno a garantire le belle cose che c’erano, fra cui Gustando il Cinema per l’appunto. 
A questo punto chiediamo a Galimberti di rivedere le sue scelte circa le persone cui assegnare certe deleghe. Fossi nel sindaco infatti chiederei immediatamente allo  ‘stratega’ di rimettere il mandato. Sarebbe forse il caso di cercare una persona, anche di un profilo più basso, capace però di lavorare per Varese, mettendoci cuore e passione, come ha fatto la Giunta leghista per molti anni.”

1 COMMENT

  1. Mah, non capisco dove stia la grave perdita: il festival in questione proponeva unicamente prodotti già visti e stravisti altrove, fatto salvo un corto prodotto (guarda caso) dalla stessa Maestri. In più ad animar la scena, ospiti decotti e spaesati… davvero, che perdita lamentiamo?

Rispondi