Forestali, fermi tre elicotteri su sedici mentre l’Italia brucia

mezzi con più di vent'anni di vita in attesa di manutenzione

0
146

di Giuseppe Criseo-editore-Varese Press

Gli incendi sono di solito di natura dolosa, ma le temperature di questi giorni aumentano i rischi e i danni.

Lo scandalo degli elicotteri fermi nonostante gli incidenti numerosi ogni anno, sta emergendo con chiarezza.

Un fatto straordinario gli incendi in Italia, dice un esponente del governo ad Agorà, dichiarazione incredibile fatta per tutelare e diminuire le responsabilità del Governo.

I forestali che sono stati accorpati ai Carabinieri dichiarano pure che per poter utilizzare gli elicotteri devono far domanda al comando dell’Arma, aumentando la burocrazia ed i tempi tecnici in casi in cui si deve intervenire immediatamente.

Gli incendi naturalmente sono a carico pure dei Vigili del Fuoco ma come stanno numericamente parlando? Sentiamo le varie riflessioni, sono 3000 organici mancanti nei vigili del Fuoco, e gli furono tolti gli 80 euro, viene aggiunto specificando poi altro.

Sono stati i soldi alla dirigenza e non alla base con uno stipendio di 1350 euro medi al mese e senza copertura Inail dice un Vigile del Fuoco sempre ad Agorà pochi minuti fa, dice un rappresentante in tv.

Vediamo i dati sulla superficie, si tratta di 26000 ettari andati in fumo, dicono i dati di Legambiente, nel suo studio Copernico:https://www.legambiente.it/sites/default/files/docs/dossier_incendi_2017_legambiente.pdf.

“ettari di bosco nelle aree protette nazionali (Majella, Vesuvio, Gargano, Alta Murgia, Pollino Sila, Aspromonte) e in molte aree protette dalla Liguria alla Sicilia con ingenti danni al patrimonio di biodiversità e rischi per l’incolumità delle persone e dei beni”.

Morabito di Legambiente, incalza dicendo che le responsabilità sono anche delle  regioni che non sono pronte.

 

In Sicilia ci sono pure altre responsabilità a causa del mancato appalto per i mezzi che servirebbero, i tempi della politica sono sempre lunghi, e gli incendi non aspettano.

 

 

Rispondi