I Due Galli alla Protezione Civile

0
267
cof

BENEMERENZA AI VOLONTARI

Della Protezione Civile di Gallarate

Questa sera nella sala consiliare del Comune di Gallarate prima dell’inizio del Consiglio comunale il Sindaco Andrea Cassani, come aveva annunciato il ventinove settembre, consegnerà al Gruppo Volontari della Protezione civile di Gallarate la benemerenza cittadina.

Il 2016 è stato un anno molto intenso per i volontari gallaratesi che oltre ad affrontare i compiti di routine hanno gestito in maniera magistrale la raccolta delle donazioni dei cittadini a favore delle popolazioni terremotate del centro Italia.

Subito dopo il terremoto la generosità dei Gallaratesi ha riempito il municipio di doni e i volontari con l’aiuto dei semplici cittadini hanno svolto un lavoro massacrante per più di una ventina di giorni per smistare e stoccare la grande quantità di beni portati a palazzo Borghi.

Dalla fine di agosto (la prima scossa è del ventiquattro agosto) e per quasi tutto il mese di settembre prima a Palazzo Borghi e poi presso la sede della Protezione Civile in via deli Aceri i volontari ed una schiera di comuni cittadini hanno collaborato fianco a fianco in questa titanica operazione.

Il sindaco si è recato personalmente, accompagnato dall’assessore Francesca Caruso e da alcuni volontari a consegnare i beni raccolti al collega di Amatrice Sergio Pirozzi accertandosi così che i doni dei Gallaratesi finissero nelle mani giuste.

I volontari di via degli Aceri sono molto orgogliosi del riconoscimento che non deriva solo dalle operazioni pro terremoto, ma anche da una lunga serie di interventi di varia natura per il controllo del territorio o per gli “allerta meteo”.

N.D.A. Per rendere più completa la festa si sarebbe potuto aggiungere alla benemerenza un nuovo mezzo operativo da adibire agli interventi e una nuova serie di divise perché operare a piedi e con le divise ormai lise e spaiate è piuttosto complicato, evidentemente le priorità sono ben altre. Per i volontari della protezione civile basta una pacca sulla spalla e una benemerenza tanto saranno sempre presenti quando serve.

Gallarate 30 gennaio 2017

Fabrizio Sbardella

Rispondi