Grimoldi (LN) ecoballe da Campania a Lombardia

0
53
Milano, la Lega organizza 100 iniziative per il sì all’autonomia

VIDEO > #GRIMOLDI, IL GOVERNO CONFERMA CHE LA #LOMBARDIA È IN GARA PER SMALTIRE LE ‘ECOBALLE’ CAMPANE

Il Governo interrogato da Grimoldi e i deputati lombardi ha confermato che A2A ha partecipato al bando indetto dalla Regione #Campania per lo smaltimento di migliaia di tonnellate di rifiuti campani.
Le famigerate ecoballe stoccate nel territorio campano dopo l’emergenza rifiuti degli scorsi anni, molte delle quali provenienti dalle aree avvelenate della ‘#TerraDeiFuochi’, prenderanno la via del Nord per essere bruciate negli inceneritori lombardi.
Tutto ciò è stato reso possibile dal decreto Sblocca-Italia contro il quale la#LegaNord sta pensando di indire un referendum per chiederne la cancellazione.La partecipazione al bando di #A2A è stata confermata ufficialmente e a questo punto bisogna solo attendere l’apertura delle buste, nei prossimi giorni, per sapere se e quante centinaia di tonnellate di veleni della Terra dei Fuochi verranno smaltite nel termovalorizzatore bresciano, liberando nella nostra aria le scorie da smaltimento di questi rifiuti altamente tossici.
Un fatto gravissimo, perché questo significa avvelenare la nostra aria e mettere a serio rischio la salute dei nostri cittadini, il tutto, solo per fare business e per fare un piacere agli amici al Governo, ovvero a Renzi e al suo sodale De Luca, governatore della Campania, aiutando ad evitare l’ennesima multa dall’Unione Europea.Si tratta quindi di una precisa scelta politica della sinistra che governa i Comuni di Milano e Brescia .Ricordiamo infatti che A2A è controllata per il 50% dal Comune di #Milano e per l’altro 50% dal Comune di #Brescia: pertanto i sindaci rossi Pisapia e Delbono si stanno assumendo la responsabilità di impestare la nostra aria e mettere a rischio la nostra salute.
E non si cerchi di scaricare le colpe sugli amministratori di A2A, come ha tentato di fare il sindaco bresciano Delbono con una nota in cui esprime la sua contrarietà all’operazione: se davvero Delbono non è d’accordo passi dalle parole ai fatti e blocchi l’operazione, sfiduciando gli amministratori, se occorre altrimenti taccia e si assuma le sue responsabilità davanti ai cittadini che sta avvelenando con questa assurda scelta.

Rispondi