E’ nato il Comitato Popolare per il NO al referendum

0
92

E’ nato il Comitato Popolare per il NO al referendum

referendum

Martedì 1 Marzo con atto notarile si è costituito a Roma il Comitato Popolare per il NO al

Tra i firmatari, i senatori Mario Mauro, Carlo Giovanardi, Ivo Tarolli, Luigi Compagna; gli Onn.

Mario Tassone, Potito Salatto e Maurizio Eufemi; per ALEF (Associazione Libri e Forti) Ettore

Bonalberti e Antonino Giannone, per gli amici del documento di Rovereto, Marco d’Agostini, e

tanti altri esponenti di associazioni, movimenti e gruppi di ispirazione cattolica, popolare,

laico liberale. Le ragioni di questa decisione sono contenuti nel documento sottoscritto che

evidenzia alcuni punti negativi della legge; punti che saranno spiegati e sviluppati nella

campagna per il referendum:

1 Il Presidente del Consiglio ha fatto sin dall’inizio della riforma un problema personale,

riforma che stravolge i principi fondamentali della Costituzione Repubblicana, con norme

disarticolate, facendo un uso scorretto della stessa Carta. È necessario che si costituisca una

larga aggregazione trasversale a difendere, attraverso il referendum, la Repubblica

Parlamentare e a ripristinare l’armonia istituzionale, come avvenne inoccasione del

referendum del 2004 che bocciò quella riforma costituzionale votata solo da una parte del

2 La Riforma Costituzionale modifica radicalmente l’impianto delle Istituzioni democratiche

previste dai Costituenti, alterando il principio dell’equilibrio dei poteri e non definisce i

compiti dei senatori

3. Gli elettori vengono spogliati dal potere di eleggere i Senatori che saranno espressione

verticistica dei Consigli Regionali;

4. Il Senato della Repubblica è stato creato come un mostro dalle varie teste:
organo

legislativo; di iniziativa legislativa; di impulso legislativo (ma senza poteri deliberanti), per la

conversione dei decreti legge; organo cui viene inviato ogni disegno di legge approvato dalla

Camera, in ordine al quale entro termini brevissimi, può formulare proposte di modifica del

testo, modifiche che la Camera può disattendere; organo consuntivo; organo di

rappresentanza delle istituzioni territoriali e di verifica dell’impatto delle politiche

dell’Unione europea sui territori, ecc.;

5. Il Presidente della Repubblica ha poteri ridotti perché non potrà nei casi previsti dalla

stessa Costituzione “sciogliere” il “nuovo” Senato;

6. Il Presidente della Repubblica vede affievolito il suo potere di rinvio alla Camera delle leggi,

in quanto si scontrerebbe con la posizione dominante del Presidente del Consiglio;

7. La legge elettorale, che ha elementi di incostituzionalità perché non rispetta la sentenza

della Corte, collegata alle modifiche costituzionali farà della Camera dei Deputati uno

strumento del partito che vincerà le elezioni con una maggioranza relativa dei voti acquisiti in

virtù di uno sproporzionato premio di maggioranza;

8. Il Presidente del Consiglio governa con il “suo” partito la Camera dei Deputati con il

“controllo” della maggioranza dei deputati del “suo” partito;

9. I cittadini che invocano sempre maggiori controlli e verifiche sulla attività delle Istituzioni e

dei rappresentanti, dirigenti e funzionari, si trovano di fronte a una riforma costituzionale che

elimina ogni possibilità di sindacato ispettivo sostanziale e lascia il Paese al libero arbitrio del

partito di maggioranza e del Presidente del Consiglio che esprime.

In conclusione i sottoscritti ritengono necessaria la battaglia referendaria: dire chiaramente

NO a questa riforma costituzionale ed implicitamente alla legge elettorale rappresenta un

dovere per ogni cittadino italiano che ha a cuore il valore della “rappresentanza democratica”

in una Repubblica Parlamentare, ed allo scopo di promuovere e sostenere tale indirizzo

Accanto al già costituito comitato per il NO al referendum (Alberto Vannucci e Gustavo

Zagrebelsky) e al comitato stati generali Repubblica italiana (Domenico Gallo e Alfiero

Grandi, Paolo Maddalena) è sorto ora il comitato di ispirazione popolare che ha affidato la

Presidenza all’On Giuseppe Gargani.

Due gli obiettivi che ci si propone: No alla pasticciata riforma costituzionale del trio toscano

Renzi-Boschi-Verdini, SI all’abrogazione della legge super truffa dell’Italicum ora in corso di

esame di costituzionalità presso la Consulta.

Nessuna volontà di divisione, semmai quella di apportare il contributo di una componente

politico culturale che ha concorso con i suoi esponenti migliori (De Gasperi, Mortati, Lazzati,

La Pira, Moro e Fanfani) alla costruzione della Carta fondamentale della Repubblica.

Siamo coscienti che quella del referendum sarà l’ultima occasione per impedire la deriva

autoritaria che le forze del turbocapitalismo finanziario stanno determinando in Europa e nel

mondo. E sappiamo che non lo facciamo per noi che siamo nati agli albori della Repubblica,

ma per inostri figli e nipoti, affinché siano preservati per loro i diritti fondamentali di

democrazia, giustizia e libertà oggi a grave rischio.

Con quanti dei diversi comitati saranno disponibili siamo impegnati a costruire in tutti i

comuni italiani i Comitati civico popolari per la difesa della sovranità popolare e il NO al

www.alefpopolaritaliani.eu

www.insiemeweb.net

www.don-chisciotte.net

Venezia, 3 Marzo 2016

Rispondi