Mozione della Lega contro i centri di accoglienza non in regola

0
64
Milano, la Lega organizza 100 iniziative per il sì all’autonomia

MOZIONE URGENTE
“CENTRI ACCOGLIENZA”
Premesso che:
La procura della Repubblica di Avellino, su segnalazione della Cgil, ha recentemente scoperto numerosi centri di accoglienza non in regola con le vigenti norme igienico-sanitarie
Le indagini dei NAS hanno portato al sequestro di ben 7 centri dei 33 in attività in Irpinia
Il Prefetto di Avellino ha apposto i sigilli, in via amministrativa, ad altri 3 centri
Considerato che:
Numerosi sono i dirigenti delle cooperative sociali iscritti nel registro degli indagati
Numerosi sono i fornitori di beni e di servizi per la gestione dei centri iscritti nel registro degli indagati
Fra le società coinvolte ve ne sono alcune già comparse nell’inchiesta “mafia capitale”
Saranno 295 i profughi che dovranno essere trasferiti
I profughi venivano utilizzati in attività lavorative irregolari, danneggiando l’economia locale
Ai profughi non veniva garantita assistenza sanitaria, mettendo a rischio, oltre che la loro, la salute dei residenti
Le cooperative incassano dai 29 ai 31 euro per ogni ospite e l’ammontare delle risorse messe a disposizione fino ad oggi, 12.6 milioni di euro, mentre i nuovi bandi prevedono per il 2016 una base d’asta di 40 euro a persona

Valutato che:
le società indagate erano tutte vincitrici dei bandi emessi dalla Prefettura
la Prefettura non ha l’obbligo di informare gli amministratori riguardo gli insediamenti di nuovi centri accoglienza siano essi privati o pubblici

Impegna il presidente e questo consiglio provinciale

A farsi portavoce verso la Prefettura di Varese:
per avviare ulteriori controlli nei centri di accoglienza della provincia di Varese
per mettere in atto tutte le azioni di propria competenza affinché gli eventuali nuovi bandi prevedano controlli più severi degli attuali, richiedendo nello specifico informazioni riguardo i soci delle cooperative o società od onlus vincitrici dei bandi
per rendere pubbliche le assegnazioni alle società o cooperative o privati
per istituire una procedura per informare i sindaci e gli amministratori, con le corrette tempistiche, delle assegnazioni sul territorio
per fare in modo che gli assegnatari dei bandi pubblichino bilanci specifici riguardo i costi sostenuti per le azioni di accoglienza, documentando fiscalmente le spese sostenute.

Varese, 15 febbraio 2016 Giuseppe Longhin
Capogruppo consigliare
Lega Nord – Lega Padania

Rispondi