LOMBARDIA.MALTEMPO,CONFERMATA MODERATA CRITICITÀ

0
33

LOMBARDIA.MALTEMPO,CONFERMATA MODERATA CRITICITÀ

RISCHIO IDROGEOLOGICO E VENTO FORTE

(Lnews – Milano, 28 feb) Il Centro funzionale monitoraggio rischi

naturali della Regione Lombardia, la cui attività è coordinata

dall’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione

Simona Bordonali, ha emesso un Avviso di conferma della

moderata criticità per rischio idrogeologico nell’area dell’Oltrepò

Pavese. Nella stessa zona è revocata la moderata criticità per

rischio idraulico a partire dalle ore 8 di domani, lunedì 29 febbraio.

L’Avviso conferma il rischio vento forte su tutta la Lombardia ad

eccezione della Valtellina fino a revoca.

SINTESI METEOROLOGICA – Oggi, domenica 28 febbraio, le

precipitazioni andranno ad attenuarsi e temporaneamente in

parte ad esaurirsi, tranne su Prealpi occidentali. Dal tardo

pomeriggio-sera precipitazioni in riattivazione, anche a carattere

di rovescio: diffuse sui settori meridionali e orientali della regione

(Appennino, bassa pianura, Garda, Valcamonica), in rapida

estensione da sud a nord ai restanti settori nella notte di domani,

lunedì 29. In questa fase particolarmente interessata risulterà

l’area del pavese, e localmente le aree del Garda e della

Valcamonica.

Venti da moderati a forti dai quadranti orientali nella giornata

odierna, dalla mattina di domani in graduale attenuazione.

INDICAZIONI OPERATIVE – Tenuto conto degli ulteriori quantitativi

di pioggia previsti nelle prossime ore, si suggerisce ai Presidi

territoriali di mantenere attenzione e un’adeguata attività di

sorveglianza:

– ai possibili effetti di esondazione di corsi d’acqua, con

particolare attenzione ai Comuni insistenti sulle aste del reticolo

idraulico nord milanese e del reticolo idraulico minore in

concomitanza dei possibili rovesci più intensi;

– al possibile riattivarsi di fenomeni franosi in zone assoggettate a

tale rischio. Si suggerisce, dove ritenuta necessaria,

l’intensificazione dell’attività di monitoraggio e l’attuazione di tutte

le misure previste nella Pianificazione di Emergenza locale e/o

specifica;

– a eventuali impalcature, carichi sospesi, strade alberate, al

traffico stradale nei tratti più soggetti alle raffiche di vento forte e

problemi alla sicurezza dei voli amatoriali, della navigazione a

vela sui grandi laghi, degli impianti di risalita a fune in montagna,

nonché alla rete elettrica e telefonica.

(Lnews)

ben

Rispondi