Busto,AL VIA IL PROGETTO ELISA PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DELL’AMBLIOPIA

0
57

Comunicato stampa n. 58 del 15 febbraio 2016

OGGETTO: AL VIA IL PROGETTO ELISA PER LA PREVENZIONE PRIMARIA

DELL’AMBLIOPIA

Nei prossimi giorni prenderà il via un’importante opportunità per garantire una precoce

prevenzione dei problemi di vista dei bambini, in particolare dell’ambliopia, comunemente

detto “occhio pigro”, un problema grave che colpisce tre bambini su cento e che, se non

curato entro i 4 o 5 anni, porta ad una severa riduzione permanente della vista,

generalmente monolaterale.

Si tratta del “Progetto Elisa”, un’attività di screening promossa dall’Amministrazione

Comunale in collaborazione con la Associazione “Lions B. Tosi e M. Ravera Onlus” e il

Comitato Vista del Distretto Lions 108Ib1, a cui sono invitati a partecipare tutti i bambini

nati dal 1° aprile 2014 al 31 marzo 2015 compresi, e cioè i bambini dai 10 ai 22 mesi di

età.

I bambini saranno sottoposti a un’autorefrattometria binoculare, un esame assolutamente

non invasivo e della durata di pochi secondi, in grado di individuare i difetti di vista con

una buona precisione, e questo consente di indirizzare i bambini a fare una visita

oculistica di approfondimento.

Lo screening, totalmente gratuito e senza scopi commerciali, si svolgerà alla Casa della

Salute di via San Pietro a Borsano, nei giorni 20 febbraio, 5 marzo, 19 marzo, 2 aprile e 9

aprile 2016.

E’ fortemente consigliato prenotare, telefonando al 3347548424 dalle 9 alle 12 e dalle 14

alle 17. Il referto dell’esame sarà consegnato subito e spiegato da un medico oculista o da

un’ortottista.

Sarà anche l’occasione per visitare il nuovo presidio socio-sanitario che l’Amministrazione

ha realizzato a Borsano e dove trovano spazio alcuni servizi come il centro di odontoiatria

sociale, il centro prelievi e il CUP dell’Asst Valle Olona e per conoscere più da vicino

l’attività dei Lions, attivi fin dal 1917 in tutte le attività assistenziali a favore delle

popolazioni del mondo e definiti “I Cavalieri della Luce”, in quanto rivolgono la loro

attenzione alla prevenzione dei problemi della vista anche attraverso grandi iniziative

nazionali e internazionali, quali la scuola per l’addestramento di cani guida per ciechi, la

raccolta e distribuzione di occhiali usati, la vaccinazione contro la cecità da fiume, ecc..

Rispondi