Questura di Varese,denunce per le lesioni personale

0
59

polizia
QUESTURA DI VARESE
Ufficio STAMPA
____________________

Varese, 18 febbraio 2016

COMUNICATO STAMPA
Polizia di Stato – Questura di Varese – UPGSP – Denunce per lesioni personali, minacce aggravate, porto abusivo di arma da taglio a carico di due uomini e segnalazione di una donna per consumo di sostanza stupefacente.
Nella giornata di ieri 17 febbraio gli agenti della Volante della Questura di Varese hanno denunciato due uomini , l’uno per lesioni aggravate e l’altro per minacce aggravate e porto abusivo di arma da taglio, e segnalato una donna per uso personale di sostanze stupefacenti.

Nel pomeriggio, gli agenti della Squadra Volante sono intervenuti in via Cortina d’Ampezzo, a seguito di richiesta di ausilio effettuata alla Sala Operativa da parte di tre persone (B.T. un cittadino italiano quarantaquattrenne con precedenti di polizia, B.H. la fidanzata trentasettenne di origini marocchine pregiudicata e B.Y. il fratello di quest’ultima trentaduenne) allo scopo di permettere il ritiro ai due cittadini stranieri dei propri effetti personali all’interno dell’abitazione di A.T. trentaseienne di origini libiche, marito di una sorella degli stessi. La richiesta dell’intervento è stata motivata da precedenti episodi di violenza e minacce di morte verificatisi in casi analoghi, accadute qualche giorno prima all’interno del gruppo familiare.

Giunta nei pressi della via segnalata , la Volante ha notato un uomo con una stampella ferito alla fronte, dalla quale perdeva sangue, e ha pertanto allertato il personale sanitario del 118. Lo stesso è stato identificato in B.T., il quale ha riferito di essere stato aggredito fisicamente da A.T. con un ombrello. Dalla versione dei fatti di A.T. è emerso che l’uomo aveva reagito in quel modo in quanto minacciato con un coltello da B.T.

In base alle dichiarazioni fornite dai soggetti, gli operatori hanno sottoposto a perquisizione personale i due.
Su A.T., si è conclusa negativamente, e gli è stato sequestrato l’ombrello, spontaneamente consegnato dallo stesso, piegato nella parte del manico compatibilmente ai colpi dati in testa a B.T.
Sul B.T., invece, è stato rinvenuto un coltellino con manico in legno e doppia lama occultato all’interno della tasca destra dei pantaloni, il quale è stato debitamente sequestrato.
A.T è stato pertanto indagato a piede libero lesioni personali aggravate; B.T. è stato indagato per minacce aggravate e porto abusivo d’arma od oggetti atti ad offendere.
Nel frattempo è sopraggiunta sul posto alla guida della propria vettura B.H., la quale sottoposta a ispezione ha consegnato spontaneamente uno “spinello” , prontamente sequestrato. La donna è stata segnalata ai sensi dell’art.75 D.P.R. 309/90 e contestualmente le è stata ritirata la patente di guida.

IL RESPONSABILE DELLE RELAZIONE ESTERNE
Commissario Capo Dott. Luigi Marsico

Rispondi