Una ventata di pulizia e novita’

0
37

Una ventata di pulizia e di novità

Apprezziamo il quotidiano impegno giornalistico dell’amico Lelio Alfonso che non manca di ricordarci la candidatura di Corrado Passera a Sindaco di Milano e le progressive fortune del partito di Italia Unica.

Abbiamo tentato più volte di evidenziare che, senza un accordo tra tutti i partiti, movimenti, associazioni, gruppi, che intendono mettersi Insieme per l’alternativa al trasformismo renzista e al populismo del M5S, a Milano, come nelle altre città in cui si andrà al voto di primavera, si subiranno solo cocenti delusioni e pesanti sconfitte.

Ai nostri appelli si è fino ad ora fatto orecchie da mercanti e, come ci ricorda il proverbio: non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

Non bastano le disponibilità finanziarie, anche se sono un elemento non indifferente in politica come nella vita, e un buon apparato di comunicazione per fermare “ il giovin signore fiorentino” sostenuto dalle forze più potenti del sistema interno e internazionale, comprese quelle che si occupano di riti esoterici e non solo. Si aggiunga la circostanza di una candidatura, come quella di Giuseppe Sala, gran patron di EXPO 2015, un uomo dalla disinvolta mutevolezza di orientamento politico, fatta apposta per dare ulteriore spinta al trasformismo politico che è la cifra più significativa del caso renziano.

A Milano con il prof Antonino Giannone, V.Presidente ALEF, noi Popolari sosteniamo la candidatura e la lista NOI x MILANO di Nicolò Mardegan, con la speranza di costruire una coalizione vincente alternativa al renzismo e ai populismi estremi.

Mardegan ha aderito al patto di Orvieto i cui firmatari ( Mario Mauro, Carlo Giovanardi, Mario Tassone, Gaetano Quagliariello e il sottoscritto) si riuniranno il 3 febbraio p.v. a Roma per avviare i comitati di coordinamento locali per le prossime amministrative. Contiamo di farlo anche in Lombardia con una riunione a Milano. A quel patto gli amici di Italia Unica si sono sempre affacciati sull’uscio, ma una scelta concreta di adesione da parte del loro leader non è mai pervenuta. Sempre missi dominici, per quanto autorevoli, ma mai il Passera in persona a confermare una condivisione di proposta e di obiettivi politici di prospettiva.

Ecco perché, in assenza di passi significativi per l’unità di tutti coloro che intendono battersi per l’alternativa al governo delle sinistre e delle finzioni trasformistiche renziane, riteniamo che la candidatura di Nicolò Mardegan, popolare espressione della migliore borghesia giovanile meneghina, ispirato ai principi della dottrina sociale cristiana, elemento in grado di offrire una piattaforma di mediazione tra gli interessi e i valori del ceto medio produttivo con quello delle classi popolari, sia la migliore oggi proponibile per Milano.

Mancano ormai poche settimane per avviare con efficacia la campagna elettorale e, mentre il Cavaliere dimezzato, continua a traccheggiare senza senso, da parte nostra puntiamo sul nostro alfiere in grado di portare a Milano una ventata di pulizia e di novità.

Ettore Bonalberti
www.alefpopolaritaliani.eu
www.insiemeweb.net
www.don-chisciotte.net

Rispondi