LOMBARDIA. CAPPELLINI:’Difendiamo i nostri figli’ e al grandissimo evento di Piazza San Giovanni nel giugno scorso”

0
31
Regione Lombardia investe 4 milioni per le sale dello spettacolo

LOMBARDIA. CAPPELLINI: 17 GENNAIO 2015-17 GENNAIO 2016,

UN ANNO PER RIBADIRE CHE LA FAMIGLIA E’ MAMMA, PAPÀ E FIGLI

“DDL CIRINNA’,LA NATURA È PIÙ FORTE DI CHI TENTA

STRAVOLGERLA”

cappellini_art

(Lnews – Milano, 17 gen) “Molti di voi si ricorderanno questa data e

queste immagini. Quando un anno fa decisi di organizzare il

fatidico Convegno sulla Famiglia a Palazzo Lombardia, per dare

voce a quelle realtà che avevano tanto da dire, ma che

facevano fatica a trovare spazi democratici di espressione, non

immaginano che, di lì a poco quelle stesse realtà avrebbero dato

vita a una grandiosa forza di popolo come il Comitato

‘Difendiamo i nostri figli’ e al grandissimo evento di Piazza San

Giovanni nel giugno scorso”. È questo l’inizio del post pubblicato

oggi dall’assessore alle Culture, Identità e Autonomie della

Regione Lombardia, Cristina Cappellini, per ricordare, a un anno

di distanza, il Convegno organizzato proprio dall’assessore e dal

presidente Roberto Maroni ‘Difendere la Famiglia per difendere la

Comunità’. Nel post Cristina Cappellini ha anche inserito le foto

più significative di quel Convegno.

VOCE A TANTE PERSONE CORAGGIOSE CHE DIFENDONO LA

FAMIGLIA – Il lungo e argomentato post prosegue ricordando

l’importanza del Convegno, grazie al quale è stato “dato spazio e

voce a chi, prima di tutti, aveva osato uscire dagli schemi del

politicamente corretto per valore primario come quello della

Famiglia, messo a dura prova da normative statali e da strategie

sovranazionali attuate attraverso campagne invasive e

mistificanti, quando non falsificatorie”. “Ma ora – prosegue ancora

l’assessore su Facebook – la verità sta venendo a galla, poco a

poco e giorno per giorno. Il vivace dibattito sulle pseudo unioni

civili (ossia il ddl Cirinnà) lo dimostra”.

GIUSEPPE SALA VOLEVA NEGARE IL LOGO DI EXPO AL CONVEGNO

– Cristina Cappellini pone l’attenzione anche su Giuseppe Sala,

candidato alle primarie del centro-sinistra per scegliere il prossimo

candidato a sindaco di Milano, ricordando che tra coloro che

volevano “boicottare il Convegno” c’era anche Giuseppe Sala

(allora amministratore delegato di Expo) “che ci chiese di togliere

il logo dalla locandina (ricordatevi di questo cittadini, cattolici e

non, che andrete a votare il sindaco di Milano tra qualche

mese!)”.

NON ABBIAMO MAI CEDUTO DI UN MILLIMETRO E COSÌ ABBIAMO

VINTO – “Abbiamo vinto – prosegue ancora il post – non abbiamo

mai ceduto di un millimetro, né io né il nostro governatore Roberto

Maroni, forti delle nostro idee dei nostri principi e in nome di tutte

quelle persone che hanno riempito il nostro Auditorium”.

DAL 17 GENNAIO SCORSO TANTISSIMI INIZIATIVE A SOSTEGNO

DELLA FAMIGLIA – “Dal 17 gennaio scorso, per uno straordinario

effetto dominio – ricorda ancora l’assessore – sono nate tante

nuove iniziative a sostegno della famiglia su tutto il territorio

lombardo, su impulso delle istituzioni, di tanti sindaci, associazioni,

cittadini lombardi che ci hanno sostenuto e ci sostengono con

fiducia e speranza”.

LA FAMIGLIA È COMPOSTA DA UNA MAMMA, UN PAPÀ E

POSSIBILMENTE DEI FIGLI – In conclusione del post l’assessore

ricorda anche la “grande manifestazione del giugno scorso a

Piazza San Giovanni”, dove tantissime persone si sono ritrovate e si

ritroveranno sabato 30 gennaio, per “dire ancora una volta e per

sempre che la Famiglia è composta da una mamma, un papà e

possibilmente dei figli, che i bambini non si comprano e non si

vendono come merci, che non si fabbricano in laboratorio per

assecondare i desideri e gli egoismi degli adulti”.

LA NATURA È PIÙ FORTE DI CHI TENTA DI STRAVOLGERLA – “Il ddl

Cirinnà – conclude il responsabile delle Culture lombarde – potrà

anche essere approvato dal Parlamento, in una versione o in

un’altra. Ma la Natura è più forte di chi tenta di stravolgerla e

prima o poi la Verità vincerà”. (Lnews)

Rispondi