Busto,GIOVEDI’ 28 GENNAIO SI RINNOVA LA TRADIZIONE DELLA GIOBIA

0
88

Comunicato stampa n. 29 del 26 gennaio 2016

OGGETTO: GIOVEDI’ 28 GENNAIO SI RINNOVA LA TRADIZIONE DELLA GIOBIA

Giovedì 28 gennaio si rinnova la secolare tradizione della Giöbia: nei cortili e nelle piazze della città si darà fuoco al fantoccio che con il passare del tempo ha assunto le fattezze dei protagonisti degli eventi più significativi dell’anno appena concluso.
Come i bustocchi ben sanno, il rogo ha la funzione di liberare la città dai guai del passato, oltre a quella di bruciare l’inverno e di allontanare il buio, come nei più antichi riti popolari che propiziavano la rinascita della natura.

Come sempre sono numerose le Giobie proposte da associazioni, gruppi e parrocchie: di seguito l’elenco aggiornato a questa mattina.

– esposizione Piazza S. Maria e falò parcheggio via Einaudi ore 19.00 a cura di:
“La Famiglia Bustocca”; “Ul cuarantacenchi”; “Classe ‘47”; “Lega Nord – Movimento Giovani Padani”
– esposizione e falò via Sardegna angolo Via Cesare Battisti ore 20.00 a cura di:
“Pro Busto”; “Dott. Giulio Pistoletti”
– esposizione e falò via Lonate/ang. via P. Micca ore 20.00 a cura di “Parrocchia Madonna Regina”
– esposizione e falò davanti alla Chiesa SS. Redentore ore 19.30 a cura di:
“Oratorio SS. Redentore”
– esposizione e falò davanti alla Chiesa di Beata Giuliana ore 19.30 a cura di:
“Parrocchia S. Luigi e Beata Giuliana”
– esposizione piazza S. Maria e falò via Cassano Magnago ore 21.00 a cura di:
“Club Alpino Italiano”
– esposizione e falò parcheggio privato Pontificio Istituto Missioni Estere di Via Lega Lombarda, 20 ore 21.00 a cura di: “P.I.M.E.”
– esposizione sede Club Boschessa di Via Ponzella, 15 e falò Via Ponzella fronte civico 40 ore 20.00 a cura di: “Club Boschessa”
– esposizione e falò C/O Oratorio S. Luigi di Via Miani, 3 ore 19.30 a cura della Parrocchia S. Giovanni Battista
– esposizione Piazza Toselli a Borsano e falò Parco Campone Borsano ore 20.00 a cura di: “Club Borsanese Folclore e sport” con degustazione di polenta e bruscitti e polenta e gorgonzola
– esposizione e falò Piazza della Chiesa Vecchia a Sacconago ore 20.00 a cura dell’Associazione Sacconago Commercianti, Artigiani & Co. e degustazione di “Risotto con la luganega”
– esposizione e falò Via Ferrini, 44 ore 20.00 a cura dell’Associazione Gruppo Scout Busto Arsizio 33

./..

– esposizione e falò Piazza Don Angelo Volontè ore 20.00 a cura della Parrocchia S. Croce
– esposizione e falò Via Bergamo, 12 ore 20.00 a cura della Parrocchia S. Edoardo
– esposizione e falò Viale della Repubblica, 44 ore 19.00 a cura di: “Alisei Cooperativa sociale Onlus”.

In genere le famiglie erano solite sottolineare la festa del “dì scenèn” con una robusta cena a base di uno dei piatti tradizionali della cucina bustocca, il risotu cunt’ a lüganiga. La leggenda dice infatti che le donne che temevano il giudizio della Giöbia e volevano ingraziarsela, la prendevano per la gola preparando il risotto di cui era ghiottissima. Nel rispetto dell’antico rito, l’Amministrazione Comunale e il Distretto del Commercio, in collaborazione con la gastronomia Crespi e il Panificio Colombo, inviteranno i bustocchi a gustare un fumante piatto di risotto con la luganiga in piazza San Giovanni. Il piatto sarà accompagnato da un bicchiere di vino rosso e dalle chiacchiere: l’appuntamento per la degustazione (per ogni porzione verrà chiesto il pagamento di almeno due Euro) è fissato verso le ore 19.30, subito dopo il falò delle varie Giöbie in programma nel parcheggio di via Einaudi alle ore 19.00.

Novità del 2016 sarà la possibilità di cenare con servizio al tavolo nell’Hub, probabilmente una delle ultime occasioni per ritrovarsi a tavola sotto le stelle in piazza san Giovanni nella location realizzata per l’Expo, che sarà naturalmente riscaldata.
Nel menu il risotto con la luganiga, accompagnato da altre specialità a km. zero, come i salumi tipici bustocchi dal marchio De.CO, il pan tramvai con formaggella, i vol-au-vent caldi con fonduta e noci, la bruschetta al lardo e miele. Un tris di formaggi e le chiacchiere chiudono il menu, che comprende vini bianchi e rossi DOC, acqua minerale, spumante dolce e secco. Il costo è di 25 Euro a persona: il ricavato sarà devoluto in parte in beneficenza per sostenere i progetti di inclusione sociale rivolti alle persone in difficoltà lavorativa.
Gli uffici stampa e grandi eventi sono a disposizione per informazioni e per prenotazioni (obbligatorie, entro il 27 gennaio) ai numeri 0331 390266 – 0331 390310.

Rispondi