Nickell incanta

0
34

NICKELL INCANTA:

image

GIOVANISSIMO PRODIGIO PIANISTICO AL SUO DEBUTTO A MILANO

DUE CONCERTI AD ANCONA E OSIMO CON L’ORCHESTRA FIATI DI ANCONA

A MARZO UNA MINI TOURNEE CHE COMPRENDERA’ MILANO, PARMA E CREMONA

LA TAPPA MILANESE PATROCINATA DAL COMUNE NELL’AMBITO DELL’ACCORDO CON NYC&CO

Milano, 29 dicembre 2015 – Nelle stagioni musicali capita ogni tanto di registrare un’ apparizione che si preannuncia travolgente.

Come lo è stata quella del giovane pianista newyorkese Thomas Nickell, oggi al suo debutto milanese in una preview per la stampa e la critica nella prestigiosa cornice del Grand Hotel et de Milan, luogo simbolo per tutti gli amanti della musica classica.

Un artista di soli 17 anni che la Steinway Foundation definisce come uno dei futuri protagonisti della scena musicale mondiale.

In una speciale Conferenza Stampa con Recital, Nickell ha offerto ad un parterre d’eccezione un ricco assaggio delle sue prossime esibizioni in Italia: l’1 Gennaio ad Ancona, il 3 a Osimo e poi il 21 marzo a Parma, il 22 al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano e il 23 nell’Auditorium Arvedi di Cremona.

Allievo di Thomas Osuga, si è classificato primo ad entrambe le edizioni 2013 e 2014 del Bradshaw& Buono International Piano Competition, del Concert Festival’s Young Composers Showcase, e dell’American ProtégéCompetition.

Nickell ha fatto il suo primo debutto quest’anno con la Oistrakh Symphony di Chicago diretta da Mina Zikri, e con Sinfonia Viva sotto la bacchetta del Maestro TomaczRadziwonowich a Somianka, Polonia. Attualmente sta completando la realizzazione della sua prima incisione, un CD con musiche di Chopin, Liszt, e Schubert; in uscita il prossimo anno, in autunno.

Dopo queste date italiane Nickell farà ritorno nella sua New York il 4 aprile, alla prestigiosa Carnegie Hall in cui si è esibito più volte per la nona edizione dell’ABC, annuale appuntamento promosso dalla Alexander & Buono Foundation (ABF): con programmi a supporto dei giovani talenti come Thomas, che ha fatto proprio l’insegnamento ricevuto: ‘I amasgoodasmy talent and mywillingness to work allow me to become.’ ”

L’ABC (Alexander & Bono Competition), nata come competizione pianistica nel 2003, è divenuta ben presto un appuntamento musicale di riferimento: dando vita dapprima ad una Fondazione e, successivamente, ad una Accademia (ABIA), inaugurata a gennaio di quest’anno. Le Master Class Seriesdi ABIA permettono agli studenti di incontrarsi una volta al mese per sei mesi, così da poter scegliere e provare insieme il repertorio da presentare alla Carnegie Hall per il recital finale; non prima però di aver imparato a fronteggiare la tensione che ogni esibizione presenta.

L’evento del 29 dicembre a Milano voleva essere dunque il recital di verifica della maturità raggiunta dal giovane Thomas. Una premiere che farà molto parlare di sé gli addetti ai lavori e su cui Thomas Nickell ha inteso catalizzare tutta una serie di emozioni difficilmente spiegabili, come del resto è sempre accaduto per gli artisti dotati di talento e carisma.

La selezionata platea rappresentava il gotha della critica musicale, delle più prestigiose istituzioni musicali milanesi e nazionali, dell’imprenditoria, del mondo culturale ed artistico di una città come Milano, particolarmente sensibile a recepire lo sbocciare dei puri talenti.

Lo ha testimoniato anche la presenza all’evento odierno di Franco D’Alfonso, Assessore al Turismo e Commercio del Comune di Milano. “Il Comune di Milano – ha dichiarato D’Alfonso – è orgoglioso di accogliere questo giovane talento americano che riconosce in Milano una delle capitali mondiali della musica classica. Sono particolarmente lieto – ha proseguito D’Alfonso – che il concerto che Thomas terrà a marzo al Conservatorio sia inserito nel programma di scambi culturali e turistici con la città di New York suggellato dalla firma di una convenzione nello scorso mese di ottobre tra il Comune di Milano e la NYC & Co. agenzia ufficiale di promozione turistica della città di New York”.

Thomas Nickellpur molto giovane ha all’attivo numerose esibizioni in tutto il mondo presso le sale concerto più prestigiose; e molti brani di sua composizione sono stati già eseguiti in Europa, Asia e Stati Uniti. Un artista che a soli diciassette anni ha già ricevuto elogi da pubblico e critica, non solo per una presenza musicale vivace e raffinata, ma anche per una sensibilità ed abilità interpretative che spaziano dalle partiture più classiche a quelle contemporanee.

Il programma del suo primo mini recital milanese ha previsto l’esecuzione di: Prelude&Fugue No. 9 in E Major, Bwv 854 di Bach, “Tristan und Isolde” S.447 di Wagner/Liszt , Three Preludesdi Gershwin; Nickell ha inoltre eseguito la Sonata No. 3 di sua composizione.

Nickell si fermerà in Italia per il Capodanno, regalandoci due Recital con musiche di Gershwin: il primo, venerdì 1 gennaio 2016 alle ore 18 al “Teatro delle Muse” di Ancona, con l’Orchestra di Fiati della Città di Ancona, direttore Mirco Barani; il secondo, il 3 gennaio 2016 alle ore 18 al Teatro “La Nuova Fenice” di Osimo, sempre con l’Orchestra di Fiati della Città di Ancona, direttore Mirco Barani.

Rispondi