POSTE ITALIANE, TARIFFA BASE AUMENTATA DEL 58,33%

0
53

POSTE ITALIANE, TARIFFA BASE AUMENTATA DEL 58,33%

Il primo di ottobre sono entrate in vigore le nuove condizioni dei servizi postali universali e due sono state le novità importanti:

La prima è la consegna e il ritiro della posta a giorni alterni.
“Ai sensi dell’art. 3, c. 7 del Decreto Legislativo n. 261 del 1999, come modificato dall’art. 1, comma 276, della L. n.190 del 23 dicembre 2014 (Legge di stabilità 2015), e della delibera AGCom 395/15/CONS, in un’ottica di ottimizzazione dei processi di lavorazione della corrispondenza, nel corso del mese di ottobre, in alcune aree del territorio nazionale, sarà data attuazione progressiva e graduale al modello di recapito a giorni alterni. Nello specifico, la consegna degli invii postali verrà effettuata a giorni lavorativi alterni, dal lunedì al venerdì su base bisettimanale (lunedì, mercoledì e venerdì in una settimana – martedì e giovedì in quella successiva). La raccolta degli invii dalle cassette d’impostazione sarà effettuata con la medesima frequenza sopra indicata, mentre restano invariate le attività di raccolta presso gli uffici postali”.
Sul sito di poste italiane è pubblicato un elenco dei comuni interessati (http://bit.ly/comunialterni) e se non sbaglio, riguardano per il momento (fase uno) solo alcune regioni molto sprecone e molto disordinate: Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Veneto.

La seconda è l’aumento delle tariffe applicate (http://bit.ly/nuovetariffe) e in particolare l’incremento del servizio postale di base (Piccolo Standard: invii rettangolari con lunghezza da 14 a 23,5 cm; altezza da 9 a 12 cm; spessore da 0,15 mm a 5 mm;) che passa da €.0,80 a €.0,95.
Negli ultimi anni questa tariffa è stata modificata:
– lo 01/01/2013 de €. 0,60 a €. 0,70
– lo 01/12/2014 da €. 0,70 a €. 0,80
Quindi in 1.003 giorni l’incremento è stato di €. 0,35 (58,33%).

Gallarate,20/11/2015

Rispondi