Canone Rai, sindacati sulle barricate

0
41
Libersind Conf.sal/RAI: piattaforma unitaria pur di chiudere il contratto entro il mese di dicembre

Canone Rai, sindacati sulle barricate. La
battaglia si sposta al Senato
I sindacati Rai scrivono al Governo contro la decisione di destinare all’erario il recupero
dell’evasione del canone. L’opposizione promette battaglia. Il provvedimento in Senato a metà
mese.
di Raffaella Natale | @RaffaNatale | 5 novembre 2015, ore 10:30
Continua a far discutere la misura prevista dalla Legge di Stabilità che destina il recupero
dell’evasione del canone Rai al Fondo per la riduzione della pressione fiscale.
Parliamo di circa 1,4 miliardi di euro che andranno nelle casse dello Stato, secondo alcuni per
colmare il buco della Tasi.
Il nodo da sciogliere è uno: un’imposta di scopo, qual è appunto il canone Rai, può essere
destinata all’erario?
2
E mentre i sindacati di lavoratori, giornalisti e dirigenti della tv pubblica scrivono al Governo per
lanciare l’allarme, denunciando la “grave incongruenza” della norma secondo la quale le somme
recuperate dall’evasione “non sarebbero interamente destinate alla Rai” ma all’erario,
l’opposizione promette battaglia in Senato dove il provvedimento sarà discusso dal 16 al 20
novembre.
Ieri intanto le Commissioni Bilancio di Camera e Senato hanno avviato l’esame congiunto del testo.
Gli stessi tecnici del Bilancio hanno manifestato le loro perplessità sulla norma, chiedendo
chiarimenti proprio per la parte che prevede di desinare il recupero dell’evasione al Fondo per la
riduzione della pressione fiscale, quando quelle quote in realtà “sono già destinate dalla
legislazione vigente a specifiche finalità”.
Ai sensi dell’art. 27, comma 8, della legge finanziaria per il 2000 il canone è, infatti, attribuito per
intero alla Rai, in quanto concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, ad eccezione dell’1%
che spetta all’Accademia di Santa Cecilia.
La Corte costituzionale, nel ribadire la legittimità dell’imposizione del canone radiotelevisivo, ha
chiarito con la sentenza 284/2002, che lo stesso “costituisce in sostanza un’imposta di scopo,
destinato come esso è, quasi per intero (a parte la modesta quota ancora assegnata all’Accademia
nazionale di Santa Cecilia) alla concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo”.
Come può, quindi, il Governo destinare il recupero dell’evasione del canone all’erario?
I sindacati dei lavoratori Rai chiedono chiarezza e hanno scritto una lettera, che Key4biz ha potuto
visionare, indirizzata al Premier Matteo Renzi, al presidente della Commissione di Vigilanza
Roberto Fico, al Ministro dell’Economia Pier Paolo Padoan, al Ministro dello Sviluppo economico
Federica Guidi, al Sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli.
La missiva porta in calce la firma di quasi tutte le sigle sindacali: SLC – CGIL Sindacato Lavoratori
Comunicazione; UILCOM – UIL Unione Italiana Lavoratori della Comunicazione; UGL –
Telecomunicazioni Unione Generale Lavoro – Telecomunicazioni; SNATER Sindacato Nazionale
Autonomo Telecomunicazioni e Radiotelevisioni; LIBERSIND. CONF. SAL Confederazione Sindacati
Autonomi Lavoratori; USIGRAI Unione Sindacale Giornalisti Rai; ADRAI Associazione Dirigenti Rai.
Significativo che tutte le sigle sindacali si siano trovate d’accordo nel dire all’unisono all’esecutivo
di Renzi che destinare il recupero dell’evasione per i prossimi due anni all’erario mette in difficoltà
l’azienda e così facendo “si nega l’obiettivo dichiarato dal Governo di voler aumentare il “tasso” di
servizio pubblico della Rai”.
“Se questa scelta fosse confermata – hanno sottolineato – si determinerebbe una condizione di
non trasparenza nei confronti dei cittadini rispetto all’effettivo contributo al servizio pubblico
radiotelevisivo, assunto che il canone Rai è una tassa di scopo, il cui importo deve essere
chiaramente identificato”.
Altro importante aspetto, secondo le sigle sindacali la norma sul canone lascia “intatto il tema
centrale che attiene all’autonomia della Rai, visto che già nel 2014 sono stati sottratti 150 milioni
3
di euro a bilancio di previsione già concluso, e nel 2015 sono stati sottratti altri 85 milioni di euro”
(questi ultimi come conseguenza della decisione di ridurre il canone del 5%, ndr).
Secondo i sindacati, “L’incertezza dell’entità del finanziamento pubblico alla Rai pone
oggettivamente l’azienda in una condizione di rischio di riduzione dell’indipendenza e di capacità
progettuale editoriale ed industriale per il medio/lungo termine”.
Le single sindacali avrebbero preferito che il tema del finanziamento del servizio radiotelevisivo
pubblico fosse stato definito nell’ambito di una riforma complessiva di sistema e della Rai.
Si spera che collegando il canone alla bolletta elettrica si possa risolvere il problema dell’evasione
che ammonta a circa 500-700 milioni di euro l’anno, ma riconoscono la complessità della misura.
“Sappiamo bene – conclude la missiva – che l’evasione è uno dei problemi fondamentali del
finanziamento del servizio pubblico, e su essa abbiamo ripetutamente chiesto di intervenire. Ci
auguriamo, pertanto, che il sistema del canone in bolletta, nonostante la complessità applicativa e
l’impegno di tante società fornitrici, sia efficace nel contenere se non addirittura eliminare
l’evasione.
Libersind.it

Rispondi