Busto,diritti dell’infanzia

0
33

bambino che piangeComunicato stampa n. 506 del 13 novembre 2015

OGGETTO: BA PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA: UNA RETE PER RIFLETTERE SUI DIRITTI DEI MINORI

In occasione della Giornata Mondiale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, che si celebra il 20 novembre, l’Amministrazione Comunale e numerose realtà del territorio propongono una rassegna di eventi, incontri, mostre e giochi con l’intento di dedicare maggiore attenzione e ampliare la riflessione sui diritti, i bisogni e le richieste dei minori.
Questo è lo spirito di “B.A. per l’infanzia e l’adolescenza”, quest’anno alla quarta edizione, che propone un ricco calendario di eventi, in programma da domenica 15 a domenica 29 novembre, rivolti a bambini, ragazzi e famiglie e agli operatori dei servizi per i minori.
“B.A. per l’infanzia e l’adolescenza” nasce dall’esperienza di “Adolescenti in rete”, un gruppo di lavoro costituitosi quattro anni fa all’interno di un progetto dell’Azienda Ospedaliera di Busto Arsizio con il fine di creare una sinergia tra vari soggetti del territorio impegnati nel lavoro con gli adolescenti, per realizzare insieme azioni comuni con un impatto sulla città.
Con il tempo, il progetto “B.A. per l’infanzia e l’adolescenza” ha richiamato anche attori esterni al gruppo originario, con un importante coinvolgimento delle scuole.
L’offerta di quest’anno spazia da momenti di gioco e animazione per bambini di diverse età a riflessioni sulla pratica sportiva, da seminari rivolti soprattutto agli operatori dei servizi a incontri divulgativi che affrontano tematiche importanti per adolescenti e genitori, dal coinvolgimento dei più giovani nella divulgazione del patrimonio artistico e architettonico della città alla presentazione di una innovativa metodologia di apprendimento, dalla tematica della disabilità a quella dei diritti dell’infanzia, dai disegni di una nota illustratrice alla rappresentazione dell’infanzia e dell’adolescenza nei film. Tra i numerosi esperti che parteciperanno all’iniziativa, si segnala la presenza di Gustavo Pietropolli Charmet, noto psicanalista e psichiatra, che venerdì 20 novembre alle 21 al Museo del tessile terrà una conferenza, organizzata dal servizio di Neuropsichiatria Infantile dell’Azienda Ospedaliera, dal titolo “Ma io chi sono? L’adolescente e il ruolo di studente”.
Alla rassegna di quest’anno hanno dato il loro contributo: l’Azienda Ospedaliera, con il servizio di Neuropsichiatria Infantile e il reparto di Pediatria, le cooperative L’Abbraccio, La Banda, Elaborando, Solidarietà e Servizi e Il Villaggio in Città, il Consultorio per la Famiglia, il cinema teatro Fratello Sole, la scuola di calcio Antoniana, le associazioni La Casa Gialla, Il Melograno e Teatro della Corte, il FAI – Delegazione del Seprio, il centro giovanile Stoà, la scuola primaria Chicca Gallazzi, il liceo scientifico sportivo Pantani, il c.f.p. Enaip e, per il Comune, le scuole dell’infanzia e gli asili nido, il servizio di Didattica Museale e Territoriale, la Biblioteca, i servizi Pubblica Istruzione e BAgiovani.
E proprio attraverso il servizio BAgiovani, l’Amministrazione Comunale si propone di continuare a promuovere iniziative che vedano protagonisti i cittadini più giovani, all’insegna del lavoro di rete e della collaborazione con tutte le realtà del territorio interessate alle stesse tematiche.

Rispondi