Sitting volley, al Pala Somma

0
52

pala

Nella foto: Sitting volley, Pala Somma.
Al Pala Somma una dimostrazione di sitting volley. Grazie Nuova Pallavolo Somma!

Di cosa si tratta? E’ una variante della pallavolo, ideata per i “diversamente abili” che non possono stare in piedi o che non hanno gambe.

“Fu giocata per la prima volta nel 1956 nei Paesi Bassi. La differenza principale rispetto alla pallavolo tradizionale è il fatto che i giocatori sono seduti nel campo, di dimensioni inferiori rispetto a quello standard, con una rete posta a altezze inferiori: 110 cm per gli uomini, 105 cm per le donne. Il gioco si svolge in una palestra, fra 2 squadre composte ciascuna da 6 giocatori (e 6 riserve), con un campo di 6 m per 10 m.
Principali regole
Pur potendo competere anche i cosiddetti atleti standing (cioè amputati, ma in grado di stare in posizione eretta), la regola principale della sitting volleyball consiste nel fatto che un atleta al momento in cui tocca la palla deve avere il sedere a contatto con il parquet di gioco. il regolamento della pallavolo paralimpica consente agli avversari di murare il servizio avversario, a patto che i difensori mantengano la posizione seduta”. (wikipedia)
E’ una bellissima idea che l’Amministrazione cerca di portare avanti anche a Somma L.
” Si sta cercando tramite la Pallavolo Somma nella persona di Emanuele Crosta di far partire questa attività paraolimpica che coinvolge disabili e normodotati. Tutto questo al nuovo Pala Somma.

Domenica hanno dato a tutti la possibilità di cimentarsi ed ho provato anch’io con estremo piacere questo sport immedesimandomi interamente in questo contesto ed assaporando le difficoltà del farlo” ( assessore Edoardo Piantanida).

Giuseppe Criseo
Varese Press

Rispondi