fibromialgia come malattia invalidante, intervista a Gallarate

0
48

 

DSC03687

 

 

 

petizione
La Fibromialgia è una malattia altamente invalidante per chi ne è affetto, non solo causa dolori cronici diffusi, ma anche disturbi del sonno, depressione e stanchezza cronica, e molto, molto di più. Tutto ciò impedisce a chi ne è affetto di avere una vita normale. La nostra Costituzione sancisce il diritto alla salute pubblica; è quindi dovere dello Stato riconoscere ai fibromialgici, attraverso una legge chiara ed uguale per tutte le Regioni d’Italia, con Decreto Legge Attuativo IMMEDIATO, l’esenzione del ticket per le spese mediche, gli esami diagnostici ed i farmaci, la pensione di invalidità totale e l’accompagnamento. E’ inoltre necessario che lo Stato sovvenzioni una RICERCA seria e mirata, così da impedire a tutti i ciarlatani che si spacciano per conoscitori di metodi di guarigione, di arricchirsi alle spalle di chi, pur di ricevere un pò di sollievo, farebbe qualsiasi cosa. La Fibromialgia non è uno scherzo: è spesso invisibile ai più, ma consuma chi ce l’ha: lo Stato non può più chiudere gli occhi su una malattia così grave e dolorosa!

DISEGNO DI LEGGE
d’iniziativa dei senatori Maurizio ROMANI, BERTOROTTA, FATTORI, SIMEONI, TAVERNA, GAETTI, BIGNAMI, CASALETTO, PETROCELLI, DE PIETRO, BENCINI, MONTEVECCHI, PUGLIA e MORONESE
COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 FEBBRAIO 2014

Disposizioni per il riconoscimento della fibromialgia come malattia invalidante

Onorevoli Senatori. — La sindrome fibromialgica è una sindrome caratterizzata da dolore muscoloscheletrico diffuso e da affaticamento e colpisce approssimativamente 2 milioni di italiani. Costituisce una sindrome di interesse multidisciplinare che coinvolge varie discipline specialistiche anche se spesso questi pazienti non vengono considerati nel loro insieme ma nel dettaglio del singolo sintomo. Il dolore rappresenta un sintomo fondamentale e ne è allo stesso tempo la manifestazione principale. La fibromialgia interessa principalmente i muscoli e, sebbene possa assomigliare ad una patologia articolare, non causa deformità delle strutture articolari. Può essere infatti considerata una forma di reumatismo extra-articolare o dei tessuti molli. Il fatto che l’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) abbia stabilito e riconosciuto la fibromialgia come entità nosologica, non significa che questa sia una malattia a se stante, infatti a livello mondiale esistono differenti classificazioni che individuano forme diverse. Il problema sta nel fatto che non si è ancora riusciti a capire il meccanismo per cui un’altra condizione patologica generi la sindrome fibromialgica, o meglio, come mai differenti condizioni patologiche generino alla fine la stessa condizione clinica inquadrabile in base ai criteri stabiliti dall’OMS come fibromialgia. L’OMS la classifica quindi tra le patologie da dolore cronico diffuso.

Rispondi