EMOTIVI ANONIMI DI SESTO CALENDE

0
58

2014-11-07 002 001 (2)

 

EMOTIVI ANONIMI DI SESTO CALENDE

 

TI ASPETTANO NEL GRUPPO DI AUTO AIUTO

———————–

Se le emozioni che tu provi ( paura, ansia, solitudine, angoscia, depressione, mancanza di autostima,male di vivere……) ti negano la serenità, gli EMOTIVI ANONIMI ti offrono un ambiente caloroso, nel quale potrai condividere le tue esperienze senza il timore di essere giudicato e nel rispetto dell’anonimato. Chi frequenta le riunioni apprende un nuovo modo di vivere attraverso un Programma in  Dodici Passi . Gli Emotivi Anonimi non sono affiliati ad alcuna setta, fede, partito politico, organizzazione o istituzione. Non ci sono quote da pagare per aderire al Gruppo E.A.

 

NON SEI SOLO/A! –  PUOI SCEGLIERE!

 

FAI IL PRIMO PASSO E VIENI NEL GRUPPO E.A.

 

SEI BENVENUTO/A!!!!

 

Ci  TROVI PRESSO IL MUNICIPIO DI SESTO CALENDE

SALA VARALLI – PIAZZA CESARE  DA  SESTO 1,

—————————————————————————————–

NEI SEGUENTI LUNEDI : 10 –  24 Agosto /  14  –  28 Settembre /

 

12 – 26 Ottobre /    9 –  23 Novembre / 14 –  28 Dicembre 2015

 

Serate gratuite dalle  ore 21.00 alle ore 22.30

————-

La malattia emotiva

Introduzione

Il presente opuscolo è la traduzione del quinto capitolo del libro Gli Emotivi Anonimi, pubblicato nel 1978 da Emotions Anonymous International. Tale traduzione si vuole fedele allo spirito ed alla lettera della redazione originale in lingua inglese. Il testo è stato integrato con il risultato di un lavoro, condotto per parecchi mesi da un gruppo di aderenti francofoni.

L’opuscolo è stato pubblico con l’accordo e l’approvazione di Emotions Anonymous International e secondo le istanze di servizio riconosciute ed autorizzate da Émotifs Anonymes / Emotions Anonymous Canada.

La traduzione in francese è stata conclusa il 13 giugno 1986 a Montréal, Québec   (Canada); quella in lingua italiana il 7 gennaio 2010 a Châtillon (Italia).

 

 ———–

Perché una riunione sui Dodici Passi?

Perché una riunione dedicata ai Dodici Passi?

Le nostre riunioni sono al servizio di chi cerca di raggiungere una maggiore serenità e salute emotiva attraverso la comprensione e l’applicazione nella vita quotidiana dei Passi EA. Abbiamo compreso che il programma in Dodici Passi è essenziale per il nostro recupero. Suggeriamo di parlare di un Passo diverso ogni settimana e condividiamo la nostra esperienza nella pratica dello stesso e sull’aiuto che esso ci assicura.

Perché non parlare dei nostri problemi?

L’esperienza ci ha insegnato che è più utile parlare delle soluzioni che non dei problemi. La maggior parte di noi ha trascorso molto tempo a discutere delle difficoltà che aveva, senza che queste si siano con ciò risolte. Se ciascuno, giunto il suo turno, enumerasse le disavventure vissute nella settimana ed il disagio provato con se stesso e con gli altri, non trarremmo alcun beneficio dalla nostra riunione EA. Se ci concentreremo invece sugli aspetti positivi – sulle soluzioni –, l’ottimismo e la speranza torneranno ad abitare dentro di noi alla fine della stessa riunione. Certo, possiamo individuare un legame diretto fra i nostri problemi emozionali ed il Passo in discussione. Ecco perché crediamo che sia importante parlare dei Passi in ogni riunione, visto che è attraverso la pratica del modello di vita, che ci viene proposto, che si può raggiungere la guarigione spirituale.

Perché non dare risposte od aggiungere commenti nel corso della riunione?

Gli interventi sotto forma di risposte; di consigli o di commenti rivolti ad altri emotivi possono deviare la nostra attenzione dall’argomento della riunione. Si suggerisce pertanto di non fare commenti o gesti, che possano turbare la persona che sta condividendo. Può capitare infatti che una persona invadente finisca per prendere il controllo della discussione, togliendo agli altri intervenuti la possibilità di parlare. E’ sempre possibile, invece, discutere fra aderenti prima o dopo la riunione.

Come fare per condividere qualcosa di personale?

Gli EA non hanno elaborato un sistema organizzato di sponsorizzazione, ma la presenza dello sponsor si è rivelata ugualmente un aiuto prezioso per molti emotivi. Uno sponsor ha già praticato i Dodici Passi ed è in grado di condividere con gli altri l’esperienza; la forza d’animo; la capacità di sperare, che ha maturato. Può essere utile conoscere il punto di vista degli Emotivi Anonimi sui problemi che viviamo al lavoro; a causa del denaro; nei rapporti con gli altri e così via. Uno sponsor, però,  non è la spalla per le nostre lacrime; lo sfogo per la nostra auto-commiserazione. Al contrario, è qualcuno che, proprio grazie al suo distacco dalla nostra situazione personale, può aiutarci a capire come possiamo praticare il Programma nella vita quotidiana.

Come si trova uno sponsor?

La scelta di questo è una decisione molto personale. Occorre ascoltare i discorsi degli intervenuti alle riunioni per individuare la persona, della quale sentiamo di poterci fidare e nella quale possiamo identificarci. L’esperienza ci ha insegnato che si può sempre sostituire lo sponsor, quando constatiamo che quello che abbiamo già non può darci quanto ci serve per crescere nel Programma. Si può consultare anche la pubblicazione n. 25 Lo sponsor.

Come mettere in pratica i Dodici Passi?

Abbiamo trovato molto vantaggioso lavorare sui Passi secondo l’ordine, nel quale essi sono stati posti. Senza la base della conoscenza di sé, che si acquisisce attraverso i primi di questi, è difficile trarre giovamento dai successivi. Abbiamo trovato utile lavorare con il libro Gli Emotivi Anonimi ed il quaderno n. 42 I Passi. La guida consigliata per seguire il programma EA*, che possiamo procurarci durante le riunioni. Questi testi possono esserci di sostegno nella comprensione dei Dodici Passi. Con uno sponsor od un emotivo, al quale abbiamo dato la nostra fiducia, essi ci possono aiutare ad affidarci, amare e comprendere, forse per la prima volta nella nostra vita.

E se non conosciamo ancora abbastanza il Passo di cui si sta discutendo?

Non impediamo a nessuno di partecipare ad una riunione perché è nuovo o perché non ha ancora acquisito una conoscenza sufficiente del Passo trattato nel corso della discussione. Si possono sempre condividere le proprie sensazioni su di esso e dire quanto se ne sia capito o meno. Inoltre, non è necessario tornare al Primo Passo ogni volta che un nuovo aderente assista alla nostra riunione.

Cosa succede se qualcuno si allontana dal tema della riunione?

Ciascuno rimane libero di parlare di quanto più gli sta a cuore. Tuttavia, per il benessere del gruppo è importante evitare di commiserarsi o di monopolizzare il tempo di parola. Se ciò avvenisse, un aderente qualsiasi – non necessariamente il moderatore – dovrebbe avere abbastanza rispetto della persona che lo faccia da ricordarle con dolcezza ed amorevolmente che gli interventi dovrebbero essere brevi e finalizzati al recupero.

Molti di noi hanno compreso che il Programma in Dodici Passi EA è un progetto per tutta la vita; per una vita nella pace e nella serenità. Vi invitiamo a partecipare con noi a questo processo di apprendimento.

Il Comitato Documentazione di Emotions Anonymous International è riconoscente agli aderenti del gruppo di Thomas Road, Phoenix, Arizona (Stati Uniti) per avere creato questo utile volantino. Esso è stato accettato ed approvato dall’Ufficio dei Fiduciari di EA International, quale parte integrante della documentazione approvata.

 

(*)   Il capitolo VI del libro Gli Emotivi Anonimi, dedicato all’argomento in trattazione, è stato pubblicato anche separatamente, nel quaderno Il nostro metodo. I Dodici Passi spiegati. Lo stesso capitolo, unito al sopra citato quaderno n. 42 I Passi, compone il testo del fascicolo Dodici Passi in EA, curato e distribuito dai gruppi italiani di Emotivi Anonimi.

 

 

 

 

 

© 1999, Emotions Anonymous International. Tutti i diritti riservati

Tradotto dall’inglese con l’autorizzazione di Emotions Anonymous International. I diritti d’autore della versione in lingua inglese di quest’opera sono proprietà di Emotions Anonymous International, P.O. Box 4245-0245, St. Paul (Minnesota) 55104 Stati Uniti. Nessuna parte di questa traduzione può essere riprodotta senza l’autorizzazione scritta di EA.

Per agevolare l’esposizione, i termini maschili includono il significato femminile ogniqualvolta il contesto lo permetta.

 

Rispondi