Cardano: VIA ROMA, PARLA VINCENZO COLUCCI

0
33

COMUNICATO STAMPA

VIA ROMA, PARLA VINCENZO COLUCCI: «DA PARTE MIA SOLO FATTI, NON CHIACCHIERE: DOV’ERA IL RAPPRESENTANTE DELLA LEGA NORD QUANDO C’ERA DA VOTARE LA MIA MOZIONE IN CONSIGLIO COMUNALE?» Io, e lo dimostro da anni con il mio impegno da consigliere comunale, faccio i fatti e non mi limito alle chiacchiere da bar o alle polemiche, buone solo per sollevare un po’ di polverone e cercare qualche facile consenso. Sono anni che il sottoscritto, spesso in solitaria, porta avanti la battaglia per il ripristino del doppio senso di via Roma. Lo sanno tutti, in particolare chi ha a cuore la vicenda, e non è certo una polemica capziosa sui giornali che può cancellare anni di impegno e di sollecitazioni. Dov’erano Angelo Marana e la Lega Nord in questi anni? Sempre che Angelo Marana, con i suoi sproloqui sui social network, rappresenti veramente la Lega Nord, visto che su questa vicenda si sta mobilitando lui, ma non il segretario cittadino Mattia Zone… Ci sarebbe da chiedersi anche come mai al momento del voto sulla mia mozione in consiglio comunale per il doppio senso di via Roma, il rappresentante della Lega Nord in consiglio comunale, Valter Tomasini, è uscito dall’aula e non ha votato a favore del mio documento…È facile sparare a zero sui giornali e sui social network, ma i problemi reali, se davvero si vogliono trovare soluzioni, vanno affrontati nelle commissioni e nel consiglio comunale. Vorrei che fosse chiaro che quella sera, quando la mia mozione è stata messa ai voti, si sono espressi a favore, oltre al sottoscritto, i consiglieri Laura Clerici e Nicola Del Vecchio, mentre Costantino Iametti si è astenuto e Valter Tomasini, che rappresenta in consiglio anche la Lega Nord, su quel punto è uscito dall’aula senza prendere parte alla votazione. Magari non sarebbe cambiato nulla, ma vorrei ricordare al signor Marana che, per poter ottenere la modifica del senso unico di via Roma, deve essere approvata in consiglio comunale la modifica del progetto della rotatoria. È l’aula del consiglio comunale la sede per discutere di questa proposta, perciò è in consiglio comunale che chi rappresenta la Lega Nord deve fare pressione per ottenere il ripristino del doppio senso. Si tratta di una scelta politica della maggioranza, visto che le dimensioni della carreggiata sono compatibili: è per questo che le polemiche sulla riunione della commissione territorio lasciano il tempo che trovano, sono solo aria fritta per mettere fumo negli occhi ai cittadini che sinceramente credono in questa battaglia. Oltretutto, sono stato proprio io a chiedere la convocazione di quella commissione territorio, tanto contestata da Marana. Volevo che si discutesse della rotatoria nel suo complesso, e in particolare degli errori di comunicazione dell’amministrazione e della questione dei dossi, altro tema che mi sta molto a cuore e su cui mi batto da anni, sempre con azioni concrete e non limitandomi alle chiacchiere, tanto che nel mese di agosto ho sollecitato ancora una volta il ministero delle infrastrutture per chiedere un parere sull’eccessiva altezza dei dossi. Il tema del doppio senso non era all’ordine del giorno, come mi ha giustamente ricordato il presidente della commissione territorio (lo si evince anche nel verbale della seduta di commissione): solo per quello non è stato approfondito in quella sede. Ma non significa certo che il tema non sia tuttora oggetto di discussione: sarebbe tuttavia stato persino ridondante che ciascuno si limitasse a ripetere le proprie posizioni in merito alla questione del doppio senso di via Roma. La maggioranza sa perfettamente come la penso, ripeterlo per l’ennesima volta non avrebbe aggiunto nulla alla discussione. Solo chi vuole fare polemica ad ogni costo, al solo fine di farsi facile pubblicità, può sollevare una questione del genere.

Vincenzo Colucci Consigliere comunale

Rispondi