BIMBO MORTO, DISAGIO DEL MONDO

0
67

bimbo morto

Il bimbo morto che sembra dormire ha colpito il mondo civile e come poteva essere diversamente!

La morte è qualcosa che non ci riguarda fino a quando non sia ammalati o anziani tanto da perdere le forze, oppure quando riguarda un amico, un parente o un conoscente che ci manca.

Il bambino invece, nella sua semplicità e per la sua dolce età sembra dormire indifferente alle questioni politiche, sociali ed economiche.

Sta zitto e fa parlare.

Fa parlare tanto ma ancora di più fa riflettere perchè non potrà più giocare con i suoi coetanei, non potrà sorridere alla mamma e ai fratelli o al padre, non potrà combinare qualche marachella, non potrà gioire, soffrire o gioire per un gioco, una malattia o una bella notizia.

Finito tutto.

E noi stiamo a guardare, ma non pensiamo che potrebbe essere nostro figlio, a noi certe cose non accadono e non potrebbero accedere, noi stiamo bene, magari non tutti, ma abbiamo forse quel poco che ci serve per vivere e lottare per la vita.

Non sappiamo cosa ha provato, ma ha lottato anche lui consapevolmente o no, per legge di natura.

E alla fine non ce l’ha fatta.

Non è questione religiosa o non solo, morte e vita sono aspetti di tutti, cattolici e islamici, religiosi o atei.

Tocca tutti e tutti sono toccati, per fortuna o sfortuna a seconda dei casi.

Lui non ha potuto scegliere se vivere o morire, c’è chi può e ha potuto o potrà a certe condizioni.

Il destino? Gli uomini? La politica? Gli è capitato per sfortuna?

La massima che ho trovato per non dimenticare è la seguente:

“Chi muore giace e chi vive non si dà pace”

Riposa in pace.

Giuseppe Criseo

editore

Varese Press

www.varesepress.info

editore@varesepress.info

 

Rispondi