Lo scandalo dei night fasulli in provincia di Varese

0
56

Lo scandalo dei night fasulli in provincia di Varese

 

Ai lettori piacerà forse sapere che in provincia di Varese, come nel resto d’Italia, ci sono locali che nella realtà sono night-club, ma formalmente sono associazioni culturali, bar, club privati.

Uno degli aspetti importanti è l’aspetto fiscale: tutti questi locali o non hanno registratore di cassa in quanto associazioni o club privati, non hanno un listino prezzi, non hanno le licenze per l’attività di locale notturno e non si sa a cosa si va incontro.

Una volta entrati si viene avvicinati da una ragazza che con sorrisi e ammiccamenti chiede che le venga offerto da bere.

La sorpresa arriva alla cassa dove l’apparente club o associazione si svela per quello che è, un’attività di natura diversa e abusiva.

Il night ha personale con qualifiche ben specifiche e regolari contratti, listino prezzi e registratori di cassa a norma, normative sulla sicurezza e sull’igiene, mentre le varie associazioni fantasiose non possono avere personale con qualifiche da locale notturno e neppure un listino prezzo da night club.

In altre tipologie di locali, non ci sono persone assunte, né registratori di cassa, neanche il pagamento dei diritti Siae: tutte entrate in meno per lo stato.

Lo stupore nasce dal fatto che in televisione si parla quotidianamente del cancro dell’evasione fiscale e queste attività illecite prolificano nell’indifferenza totale di chi è preposto ai controlli pubblici.

Lanciamo un allarme a coloro che vogliono divertirsi e potrebbero avere brutte sorprese a fine serata.

Il divertimento deve essere alla luce del sole e con attività lecite, pagando le tasse.

Giuseppe Criseo

Varese Press

Rispondi