Pillole fiscali di Massimo Gazzani

0
53
Truffe online. Occhio ai finti messaggi di accrediti di fantomatiche somme

Pillole fiscali di Massimo Gazzani – puntata numero 214

 

Non solo pillole fiscali, ma anche una riflessione prima della pausa estiva. Fmi: «Italia fuori dalla recessione. Lavoro a livelli pre-crisi? Altri 20 anni»

 

L’Italia sta uscendo dal tunnel di tre anni di recessione, ma per tornare a livelli occupazionali paragonabili al periodo pre-crisi potrebbe essere necessaria quasi una generazione, vent’anni, se non ci sarà una rilevante accelerazione della crescita economica. Le fatiche della ripresa italiana sono esaminate dal Fondo Monetario Internazionale, all’interno del rapporto sullo stato dell’Eurozona frutto della missione annuale di monitoraggio prevista dall’Articolo IV dell’organizzazione multilaterale che invita l’intera area Euro a sposare maggiori stimoli e riforme strutturali per combattere un outlook debole nel medio periodo.

La previsione è che il tasso naturale di disoccupazione – definito come il tasso al quale l’inflazione rimane stabile (Nairu) – in Italia “resti più alto di quello visto durante la crisi”. In Francia sarà invece nel medio termine a livelli pari a quelli conosciuti durante la crisi, mentre in Spagna “scenderà in modo significativo rispetto a livelli senza precedenti ma rimarrà sopra il 15% nel medio termine”.

 

Cinque raccomandazioni per l’Italia

Gli economisti del Fondo mettono nero su bianco cinque raccomandazioni per Roma, dall’efficienza del settore pubblico al lavoro. In ordine i consigli sono: “L’adozione e realizzazione della pianificata riforma dell’amministrazione pubblica”, che dovrebbe trattare anche la gestione delle risorse umane per sbloccare la produttività; “ulteriori misure volte a migliorare l’efficienza della giustizia civile”; rafforzamento delle politiche del Jobs Act e “misure concrete per ridisegnare” il cosiddetto “wage supplementation scheme” (la CIG) “in un sistema universale di sostegno” legato alla ricerca di lavoro e al training; ”decentralizzazione della contrattazione salariale per una maggiore flessibilità nei contratti nazionali”; rapido varo e attuazione della legge annuale sulla competizione per affrontare barriere regolamentari in settori quali retail e trasporti.

Il Fondo aggiunge che “la piena attuazione di riforme già legiferate da tutti i livelli del governo è necessaria per migliorare il contesto imprenditoriale”. Ma precisa anche che in Italia sono già avvenuti progressi, sul fronte della giustizia civile come del mercato del lavoro con il Jobs Act.

 

Mef: stime Fmi non tengono conto riforme

La stima del FMI secondo la quale occorrerebbero 20 anni in Italia per riportare l’occupazione ai livelli pre-crisi, è basata su una metodologia che non tiene conto delle riforme strutturali che già sono state introdotte. È quanto afferma in una nota il ministero dell’Economia nella quale si spiega perché non servono 20 anni per tornare ad una occupazione pre-crisi.

Analisi di proiezioni, ma anche di indicazioni perché lo Studio Gazzani vuole allinearsi con Voi in questa delicata fase di opportunità e di osservazione.

“Un pessimista vede le difficoltà in ogni opportunità; un ottimista vede l’opportunità in ogni difficoltà” affermava Winston Churchill e lo Studio Gazzani è “ottimista oriented”.

Buone riflessioni e buone vacanze

 

Grazie dell’attenzione

Cordialmente

Massimo Gazzani

 

Dott. Massimo Gazzani – Partner

Rispondi