Mafia capitale, sdegno per lo sfruttamento dell’immigrazione

0
40

A.M.S.I

 Associazione Medici di origine Straniera in Italia

www.amsimed.org

 Mafia Capitale, Foad Aodi (Amsi): “Il nostro sdegno per lo sfruttamento dell’immigrazione ”

Poche parole commentano le intercettazioni condotte dai pm che rivelano diverse Personalità dell’Amministrazione Pubblica  coinvolte nello sfruttamento dell’immigrazione per un totale di 44 arresti. Sono quelle che proferisce Foad Aodi, Presidente della Comunità del Mondo arabo in Italia (Co-mai), dell’Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia (Amsi) e del Movimento Internazionale “Uniti per Unire”. 

“Siamo sdegnati dall’accaduto, dal prosperare di mafia capitale sulla pelle degli immigrati, delle fasce più deboli della popolazione. Intendere un centro di accoglienza come una fonte di reddito e speculazione è l’anti-integrazione per eccellenza. Gli inquisiti ricoprivano cariche nella attuale e precedente giunta comunale della città di Roma, che come capitale italiana, dovrebbe rappresentare il simbolo delle incontro di culture diverse. Tutto questo stride con il lavoro che sosteniamo da anni per il rispetto delle differenze, stride con il messaggio di pace universale di Papa Francesco. Basta coi soprusi, basta con le strumentalizzazioni di politici e burocrati perchè in questa faccenda gli immigrati sono due volte vittime del mercato degli esseri umani . Speriamo che questi gravi misfatti non abbiano più seguito. Continuiamo a lavorare senza indugi e senza scoraggiarci per una nuova legge italiana ed europea per l’immigrazione e per i nostri due progetti gemelli “Buona Immigrazione” e “Buona Sanità” per l’interesse di tutti italiani ,immigrati e per la Buona Politica. “. (Foad Aodi)

Elena Rossi

Responsabile Ufficio Stampa Amsi, Co-mai e Uniti per Unire

                                                                                                                      

 ww.amsimed.org  

www.unitiperuire.org

www.lasvolta.info

 

Il Presidente 

Foad Aodi 

                                                                                                                           

Rispondi