Lamentele sulle NUOVE NORME DI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

0
27

lettera al direttore-firmata

Allegati10:44 (3 ore fa)

a redazione
 BUONA GIORNATA QUI IN ALLEGATO LE NUOVE NORME DI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI ED ANCHE IL LINK RELATIVO
http://www.lexambiente.com/materie/rifiuti/11207-nuova-classificazione-dei-rifiuti,-proroga-sistri,-mud-2015,nuovi-codici-cer-e-rifiuti-pericolosi.html

CI LAMENTIAMO PERCHE’ INVECE DI DIMINUIRE I COSTI PER GLI ARTIGIANI CHE A FATICA STANNO IN PIEDI ARRIVANO NUOVE NORME EUROPEE PER LE QUALI BISOGNA PAGARE LE ANALISI DEI RIFIUTI  AL FINE DI STABILIRE UN NUOVO CODICE DI CLASSIFICAZIONE .( QUESTA SAREBBE UNA TASSA IN PIU’ SULLA NOSTRA TESTA)
INOLTRE NOI ASPETTIAMO DAL SISTRI I RIMBORSI DA PARTE DELLO STATO DEI CONTRIBUTI VERSATI DALLE IMPRESE RELATIVI ALL’ISCRIZIONE AL SISTRI (SISTEMA TRACCIABILITA’ DEI RIFIUTI)PER AGLI ANNI 2010-2011-2012.
SONO CONTRIBUTI INDEBITAMENTE VERSATI IN QUANTO NON STIAMO UTILIZZANDO IL SISTEMA ON LINE
CON LA CHIAVETTA PERCHE’ NON SUPERIAMO IL NUMERO DI DIPENDENTI OBBLIGATI AD USARE IL SISTEMA ONLINE.
INOLTRE BISOGNEREBBE LEVARE GLI STUDI DI SETTORE CHE CON QUESTA FORTE CRISI NON SONO PIU’ VALIDI E CI PENALIZZANO MOLTO.
BUON LAVORO      CORDIALI SALUTI
                                                                                           CASOLO GINELLI RENZO
                                                                                                 LUCIANA
——

Le piccole e piccolissime imprese sono vessate da una burocrazia indecente e da un livello di tassazione inaccettabile. La gestione dei rifiuti è solo una delle voci che gravano sui disastrati bilanci di artigiani e commercianti. D’altra parte il sistema integrato di gestione dei rifiuti industriali (Sistri) è stato introdotto per evitare sversamenti incontrollati e alimentare le eco-mafie come quelle che hanno rovinato per sempre la terra dei fuochi. Si applica ad aziende che superano un certo numero di dipendenti, non è giusto far pagare la quota di iscrizione retroattivamente anche a quelle aziende che in futuro on saranno tenute ad aderirvi.

 

IL Direttore Responsabile

Lucio Bergamschi

Rispondi