Fronte Nazionale Verbania, interpellanze di Bignardi e Tigano

0
54

GRUPPO CONSILIARE – COMUNE DI VERBANIA

fronte nazionale

CONSIGLIERI: GIORGIO TIGANO – CAPOGRUPPO – SEGRETARIO CITTADINO

SARA BIGNARDI – SEGRETARIO PROVINCIALE VCO

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

25 Aprile Festa o Ricorrenza?

 

 

Quest’anno ricorre il 70° anniversario dalla fine della guerra, guerra che non si combattè solo tra eserciti regolari ma che coinvolse tanti civili inquadrati nelle formazioni Partigiane e nelle cosidette Brigate Nere, braccio armato del Partito Fascista Repubblicano. Certamente festeggiare la conclusione di una guerra è cosa positiva per la fine delle sofferenze umane patite e la riacquistata serenità di vivere in libertà. Ma, aldilà dei giudizi storici, riteniamo indispensabile ricordare nel modo giusto, facendo presente che oltre alla guerra sul campo, estremamente  dura e dolorosa,  si combattè una guerra civile tra cittadini che, al di là delle rispettive ragioni, produsse atrocità inaudite compiute da entrambe le parti in campo. Sarebbe stupido negare le crudeltà commesse dai nazifascisti, ma altrettanto ingiusto dimenticare o peggio giustificare le barbarie subite da ex-fascisti o presunti tali, uomini, donne, bambini, troppo spesso colpevoli solo di essere parenti di persone compromesse col passato Regime o di essersi arruolati dalla parte perdente. Tutto questo è storia patria ampiamente documentata e riconosciuta anche da storici della parte vincente come Giorgio Bocca. Nel Verbano e nell’Ossola si contano circa 320 caduti italiani, tra soldati della Rsi, civili, tra cui molte donne, uccisi dal settembre 43 al giugno 1945 anche dopo la fine delle ostilità, per mera vendetta. Ai nazisti, responsabili diretti di stragi e odiose rappresaglie fu invece consentito di passare il confine incolumi. Il Fronte Nazionale di Verbania non chiederà più al Sindaco, come fece in occasione della Festa della Donna, un atto di riconoscimento almeno verso le oltre 40 donne assassinate nelle nostre zone, visto che ci ha risposto che sarebbe una “celebrazione antidemocratica”. Prendiamo atto che anche la pietà deve passare al vaglio delle regole democratiche. Il Fronte Nazionale sottolinea che, finchè resisteranno tali pregiudizi, si impedirà di fatto che il 25 Aprile diventi la Festa di tutti gli Italiani. Resterà solo una Ricorrenza che non tutti si sentiranno di festeggiare.

 

Consiglieri Comunali del Fronte Nazionale

Giorgio Tigano

GRUPPO CONSILIARE FRONTE NAZIONALE VERBANIA

 

 

Verbania 12/03/2015

 

 

Alla c.a. del Sig. Sindaco

 

Tramite il Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Verbania

 

M O Z I O N E

 

PRESO ATTO CHE

 

il Sindaco ha deciso di togliere il bonus bebè già dal 2015 destinato per ciascun neonato e di introdurre uno strumento sostitutivo

 

CONSIDERATO CHE

il bonus bebè pari a circa Euro 800,00 è destinato a ciascun neonato per coprire i costi vivi sostenuti nei primi mesi di vita dalla famiglia

 

ESSENDO EVIDENTE CHE

in questi primi mesi il neonato è affidato alle cure dei genitori e che il ricorso all’asilo, peraltro soggetto a retta mensile, può avvenire nei tempi nei modi previsti dal regolamento comunale e che ciò comporta il mancato accesso all’asilo nido per diversi motivi: compimento del 3° mese di vita, decorrenza termini della domanda, disponibilità in graduatoria, assenze per malattia e quant’altro di imprevisto

 

RILEVATO CHE

– tutto questo appare ancora più grave nel momento in cui il Governo Renzi, che aveva previsto il Bonus Bebè per le famigle bisognose, non è stato in grado di mantenere la promessa per il 2015, per mancanza di fondi e decreti attuativi

– il beneficio economico del Bonus non può quindi in alcun modo essere sostituito da altri strumenti di sostegno che in ogni caso non possono andare a beneficio diretto del neonato

– che tale scelta avrebbe dovuto essere attuata, in ogni caso, non per il 2015 ma con almeno un anno di preavviso

 

IL CONSIGLIO COMUNALE IMPEGNA IL SINDACO

 

a ripristinare il bonus Bebè per l’anno 2015

 

 

I Consiglieri del Fronte Nazionale di Verbania

 

Sara Bignardi                                                                                                         Giorgio Tigano

GRUPPO CONSILIARE FRONTE NAZIONALE VERBANIA

 

 

Verbania 24/04/2015

 

 

Alla c.a. del Sig. Sindaco

 

Tramite il Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Verbania

 

 

 

 

I N T E R P E L L A N Z A

 

 

 

 

PRESO ATTO CHE

 

Il canale della piana del Toce nel tratto compreso tra Fondotoce e il lago di Mergozzo è in uno stato di degrado e l’aspetto è quello di una specie di discarica a cielo aperto piena di rami, tronchi, plastica e rifiuti di ogni genere a causa dell’acqua stagnante

 

tale situazione di degrado rappresenta un pessimo benvenuto per i turisti che arrivano a Verbania

 

 

SI INTERPELLA IL SINDACO

 

per sapere in che modo intenda risolvere le problematiche dell’area del canale di Fondotoce e chiedendo quali soluzioni voglia adottare per sistemare le seguenti questioni:

– l’invasione delle zanzare d’estate

– la copiosa presenza di pollini di salici e di pioppi causanti allergie e problemi respiratori

– la presenza di piante abbattute da pioggia e venti sul corso d’acqua e sulla pista ciclopedonale.

 

 

 

I Consiglieri del Fronte Nazionale di Verbania

 

Sara Bignardi                                                                                                         Giorgio Tigano

GRUPPO CONSILIARE FRONTE NAZIONALE VERBANIA

 

 

Verbania 24/04/2015

 

 

Alla c.a. del Sig. Sindaco

 

Tramite il Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Verbania

 

 

 

 

I N T E R P E L L A N Z A

 

 

 

 

PRESO ATTO CHE

 

Il canale della piana del Toce nel tratto compreso tra Fondotoce e il lago di Mergozzo è in uno stato di degrado e l’aspetto è quello di una specie di discarica a cielo aperto piena di rami, tronchi, plastica e rifiuti di ogni genere a causa dell’acqua stagnante

 

tale situazione di degrado rappresenta un pessimo benvenuto per i turisti che arrivano a Verbania

 

 

SI INTERPELLA IL SINDACO

 

per sapere in che modo intenda risolvere le problematiche dell’area del canale di Fondotoce e chiedendo quali soluzioni voglia adottare per sistemare le seguenti questioni:

– l’invasione delle zanzare d’estate

– la copiosa presenza di pollini di salici e di pioppi causanti allergie e problemi respiratori

– la presenza di piante abbattute da pioggia e venti sul corso d’acqua e sulla pista ciclopedonale.

 

 

 

I Consiglieri del Fronte Nazionale di Verbania

 

Sara Bignardi                                                                                                         Giorgio Tigano

GRUPPO CONSILIARE FRONTE NAZIONALE VERBANIA

 

 

Verbania 24/04/2015

 

 

Alla c.a. del Sig. Sindaco

 

Tramite il Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Verbania

 

 

 

 

I N T E R P E L L A N Z A

 

 

 

 

PRESO ATTO CHE

 

Il 1° maggio entrerà in vigore un nuovo sistema di raccolta dei rifiuti ingombranti che comprende la chiusura dei punti di raccolta periferici di Fondotoce, Biganzolo, Unchio, Zoverallo, Possaccio e Cavandone

 

il ritiro a domicilio costerà Euro 50,00 per tutti quei cittadini che non dispongono di  un proprio mezzo per trasportare l’ingombrante alla piastra ecologica de Plusc

 

si rischierebbe il conseguente  abbandono ovunque sul territorio di questo tipo di rifiuti, compromettendo il decoro urbano

 

 

SI INTERPELLA IL SINDACO

 

per sapere i motivi che hanno portato all’abolizione di questo servizio gratuito e funzionale alla collettività.

 

 

 

I Consiglieri del Fronte Nazionale di Verbania

 

Sara Bignardi                                                                                                         Giorgio Tigano

GRUPPO CONSILIARE FRONTE NAZIONALE VERBANIA

 

 

Verbania 05/05/2015

 

 

Alla c.a. del Sig. Sindaco

 

Tramite il Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Verbania

 

 

 

 

I N T E R P E L L A N Z A

 

 

 

 

PRESO ATTO CHE

 

ConSerVco il 1° maggio non ha effettuato il servizio di raccolta rifiuti, nuocendo all’immagine della città proprio in un giorno in cui la presenza dei turisti in città era elevata

 

 

SI INTERPELLA IL SINDACO

 

per sapere se nell’accettare di firmare un contratto di servizio con ConSerVco lo scorso 30.03.2015 che all’art. 14 testualmente cita “La società non effettuerà il servizio durante le festività corrispondenti ai giorni 25 dicembre, 1 gennaio e 1 maggio”, giorni in cui (in particolare il 1 maggio) è alta la presenza dei turisti in centro città, l’Amministrazione non poteva prevedere la possibilità di disagi e grave compromissione del decoro durante tali giorni. Tale superficiale atteggiamento del Comune e del ConSerVco ha creato ovvii disguidi, visto visto che buona parte dei cittadini, ha deposto i sacchi rifiuti a bordo strada.

 

 

 

I Consiglieri del Fronte Nazionale di Verbania

 

Sara Bignardi                                                                                                         Giorgio Tigano

 

 

 

 

Rispondi