Chi è Domenico Monorello

0
46
Il 31 maggio è alle porte e la tentazione é quella di “guardare dal balcone” – come paventa Papa Francesco – e disertare il voto, sfiduciati da una “politica” inutile se ridotta a demagogia, cioè penosa gara fra chi la spara più grossa.

menorello

Eppure c’è chi non si arrende e – proprio come è successo recentemente in Francia con la federazione popolare che Sarkozy ha portato a vincere le elezioni amministrative – qualcosa di nuovo può nascere proprio in Veneto, per tutta l’Italia, domenica prossima!

Infatti, Flavio Tosi – costretto dal repulisti subìto – apre uno spazio simile a quello francese di cui si è detto: una moderna federazione di tante realtà, civiche, autonomiste, popolari, che rifiutando la demagogia, vogliono di nuovo “cercare il bene comune senza lasciarti corrompere, pensando le strade più utili per questo” (Papa Francesco, 30 aprile 2015).

In questo nuovo ambito civico vengono ospitate le esperienze di impegno al di fuori dei Palazzi, come quelle cui, con molti amici, ho partecipato in occasione delle liste civiche alle elezioni comunali e della “Costituente civica dei popolari e dei riformisti“ con la prima bellissima “Scuola popolare“ per imparare la sussidiarietà, da cui è nato il “Manifesto per il (tri)Veneto popolare“, con 15 obiettivi concreti, senza ulteriore spesa pubblica, per sostenere la vita, la famiglia, la parità scolastica, la crescita e l’occupazione, nonché per rendere davvero il (tri)Veneto una regione a statuto speciale, unendo tutto il nordest! (cfr sito www.menorello.it)

Per dare voce a questa presenza, mi è stato chiesto di candidarmi al Consiglio regionale nel collegio di Padova nella lista (federata e “gialla“) “TOSI per il VENETO“. E io, umilmente, chiedo un sostegno, rimanendo a completa disposizione, per continuare un lavoro e un dialogo appassionati per le nostre comunità e il nostro territorio-

Con gratitudine,

Domenico Menorello

Rispondi