Quote latte abolite

0
49

La fine di un’era – La quota latte imposta dall’Unione Europea, per l’Italia in realtà più una cintura di castità, viene finalmente abolita

Nuove opportunità o manovra di alta politica?
Per i nostri produttori di latte è arrivato il momento per tirare un sospiro di sollievo o di prepararsi per una guerra ancora più dura?

Dopo aver allargato a dismisura il mercato del latte e dei sui derivati per la Germania, l’UE da il via libera alla liberazione del mercato del latte dopo aver distrutto il mercato del latte e dei suoi derivati in Italia.

Le quote latte, inserite dal consiglio dei ministri dell’Unione Europea dal 1984, erano per ultimo distribuite come segue:

Germania 29.921.658 tonnellate – abitanti: 80.62 milioni (2013)
Francia 25.735.574 tonnellate – abitanti: 66.03
Regno Unito 15.591.927 tonnellate – abitanti: 64,1
Olanda 11.851.192 tonnellate – abitanti: 16,8

Italia 10.871.763 tonnellate – abitanti: 59,83

Polonia 9.807.808 tonnellate – abitanti: 38,53

Per chi ancora si chiedesse perché i latticini tedeschi hanno così un così basso, le quote latte danno una chiara risposta.

E’ difficilmente credibile che ci sia stato il bene placido di qualche politico italiano che abbia accettato per il proprio paese una tale castrazione che ha provocando la distruzione della produzione di latte, latticini, formaggi e altri derivati fatti in Italia putacaso dando per l’ennesima volta alla Germania l’opportunità di diventare il più grande produttore di latticini dell’Europa se non del mondo.

Infatti chi anche nei supermercati e discount italiani (!?) andasse alla ricerca di una vera mozzarella italiana dovrebbe prendersi la briga di guardare due volte sull’etichetta e di girare il pacchetto per verificare veramente da dove viene la mozzarella che sta per comprare.
In realtà quello che vendono nei propri frigoriferi Eurospars, Carrefour e Auchan (appunto italianissimi supermercati) tra Milano, Torino e Roma, per es. con il ben suonante nome di ”Cammino d’Oro”, non è altro che formaggio bavarese. Il nome volutamente italianizzato significa ”Goldsteig” che oramai si rivela essere in Europa il più grande produttore di mozzarella che la vende in tutta Europa e non solo.

Qui viene spontaneo chiedersi: Quo Vadis Italia? Chi ti guida?

Di Luigi D’Aloia – Quo Vadis – Berlino

IMG_20150409_173254

Rispondi