Perchè non si pensa agli italiani che dormono per strada?

0
64

Alloggi ai migranti, De Lieto (Li.si.po.): i Prefetti diano l’esempio. Perchè non si pensa agli italiani che dormono per strada?

de lietoI Prefetti di tutta Italia, rispondendo a sollecitazioni del Governo, ovviamente, cercano alloggi e sistemazioni varie, per la massa di persone, clandestini o profughi che siano, sarà stabilito da apposita Commissione successivamente. C’è chi invita le famiglie ad accoglierli, chi pensa di sistemarli in albergo, si parla, non si è capito bene i termini e le eventuali modalità, di utilizzare caserme, ma anche di estendere questo tipo di provvedimento ad immobili liberi. Riteniamo, ovviamente – ha dichiarato il Presidente Nazionale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.), Antonio de Lieto – che la proprietà privata, non si deve e non si possa toccare, perché   frutto di sacrificio e che sia semplicemente assurdo, il solo ipotizzare requisizioni o provvedimenti simili. Certo, chi vuole imporre, sia pure per dovere d’ufficio, sacrifici a Regioni, Comuni o anche chiedere la semplice collaborazione a privati cittadini, per garantire un alloggio ai migranti, dovrebbe dare l’esempio. I Prefetti – ha continuato de Lieto – notoriamente, godono di ampi e confortevoli alloggi presso le varie Prefetture: diano quindi l’esempio. E’ giusto che ospitino famiglie di migranti, destinando a questi, qualche stanza dei loro alloggi, alleggerendo il problema dell’accoglienza. C’è da rilevare – ha concluso de Lieto – che sono tantissime le famiglie o i singoli italiani, che hanno perso una casa, che una casa vera non l’hanno mai avuta, troppi vivono in carcasse d’auto o sotto i ponti: se Regioni, Sindaci e Prefetti avessero ricevuto gli stessi input   per i problemi alloggiativi degli italiani,   il problema “casa” per tanti italiani, sarebbe stato risolto da tempo.

L’ADDETTO STAMPA

Antonio Curci

Rispondi