L’ing. Zappamiglio P., candidato sindaco a Gorla Maggiore

0
62

PRESENTAZIONE del candidato sindaco A Gorla Maggiore

volantino_pres_copvolantino_pres_int

 

Perchè ho accettato con orgoglio di candidarmi a sindaco di Gorla Maggiore?

Per una sola ragione. Perché amo il mio paese.

E’ a Gorla Maggiore che vivo da trentasette anni. E’ a Gorla Maggiore che risiedono e vivono i miei genitori.

E’ a Gorla che ho formato la mia famiglia con mia moglie Federica e le mie due bambine di 6 e 4 anni.

In questo paese c’è il mio passato. In questo paese c’è anche il futuro mio e dei miei cari. Credo che sia

dovere di ciascuno di noi impegnarsi, per quanto sia possibile, per migliorare il nostro presente e la realtà

in cui viviamo. Credo che sia un dovere morale di ogni cittadino impegnarsi per aiutare a seminare il futuro

delle nuove generazioni.

Da più di dieci anni ho messo a disposizione del nostro paese le mie competenze (sono laureato in

Ingegneria Civile e svolgo la libera professione), le mie capacità e la mia passione per l’amministrazione.

Dal 2005 sono stato eletto consigliere comunale e dal 2010 ho ricoperto la carica di assessore

all’urbanistica e all’edilizia privata. Attualmente sono presidente della società che gestisce i servizi idrici per

la provincia di Varese, ruolo che svolgo a titolo gratuito.

Per me essere sindaco significa essere sempre alla ricerca del bene comune, tramite il confronto e la

realizzazione di scelte condivise. Da queste basi nasce la nostra lista “fareComune” che indica un metodo

condiviso, fondato sull’ascoltare, sul fare e sul migliorare. Nella vita, come nel lavoro, credo siano

importanti alcuni valori imprescindibili: trasparenza, onestà, meritocrazia e rispetto. Questi saranno i

principi che mi guideranno se dovessi ricoprire la carica di primo cittadino.

La mia squadra è composta da donne e uomini che, come me, amano il proprio paese e che, soprattutto,

hanno le idee e la competenze per poterlo guidare.

 

LE NOSTRE PROPOSTE

 

Gli attuali e stringenti vincoli del patto di Stabilità impongono un monitoraggio costante ed attento delle risorse. E’ nostro impegno prioritario migliorare la gestione della spesa, eliminando gli sprechi e migliorando  i servizi per la comunità:

  • sostegno alla persona e alla famiglia, dal bambino all’anziano;
  • investimenti sulla sicurezza dei cittadini nelle proprie case, sul territorio e per le aziende;
  • valorizzazione della cultura, promozione delle tradizioni popolari e dello sport;
  • sostegno alle associazioni “operose” del territorio;
  • spazio ai giovani, protagonisti del paese;
  • revisione del piano delle opere pubbliche, dando priorità a quelle più strategiche e necessarie;
  • sviluppo sostenibile del territorio, salvaguardia dell’ambiente e della salute con particolare attenzione alla gestione e al recupero della discarica.

Inoltre ci impegneremo per non aumentare le tasse locali:

  • elimineremo l’imposta TASI sulla prima casa ( ex IMU prima casa), tassa iniqua e penalizzante per le famiglie;
  • ci attiveremo per non aumentare le tariffe dell’acquedotto, stabilite a livello provinciale dall’ATO (Ambito Territoriale Ottimale) e non dall’amministrazione comunale;
  • perseguiremo un’applicazione equa della Tassa Rifiuti (TARI) in rapporto alla quantità di rifiuti effettivamente prodotta;
  • non applicheremo l’IRPEF comunale.

Rispondi