Nepal, Appello Amsi:”Servono medici dove la terra ancora trema e dove c’è rischio di epidemia”

0
163

 

Nepal, Appello Amsi:“Servono  medici dove la terra ancora trema e dove c’è  rischio di epidemia”

4500 è il bilancio delle vittime del terremoto di magnitudo 7.9 che si è abbattuto lo scorso sabato in Nepal, con gravissime ripercussioni in India, Cina e Tibet. Secondo il Ministero dell’interno nepalese, i feriti ammontano ad 8000, un dato instabile, sempre in crescita. 4 gli italiani che hanno perso la vita nella tragedia, i due speleologi Oskar Piazza e Gigliola Mancinella, oltre alla coppia degli alpinisti Marco Benedetto e Renzo Pojer che si trovavano a nord di Kathmandu. La Farnesina rivela che sono 40 gli italiani ancora dispersi.

Intanto, continuano le scosse nel Paese, dove per i superstiti tutto è rovina e disperazione. Sono più di un milione e mezzo i senzatetto, non c’è acqua, non c’è elettricità, né carburante. Servono farmaci e medici per le migliaia di feriti che vengono recuperati dalle macerie.

“Il nostro appello si rivolge a tutti i medici, senza distinzioni di etnia o di religione, perché indirizzino le loro energie e risorse in Nepal, la dove questo è indispensabile e vitale”. Esordisce il Prof. Foad Aodi, Presidente dell’Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia (Amsi)che esprime solidarietà ai famigliari di tutte e vittime .

“Ci rivolgiamo a tutti i colleghi, ai professionisti della Salute che fanno della solidarietà e dell’umanità il loro credo. Ci vogliono medici in Nepal, dobbiamo unire le nostre forze per raccogliere professionisti della sanità. L’Amsi vuole costituire una delegazione medica da inviare in Nepal. La terra trema ancora in Nepal. Questo deve scuotere le nostre coscienze per agire senza indugi e senza esitazione. Aiutateci ad aiutare chi ha visto la propria vita crollare insieme alla propria casa, al proprio Paese”. (Foad Aodi)

Cordiali Saluti,

Elena Rossi

Ufficio Stampa Amsi e Uniti X  Unire 

www.amsimed.org  

Il Presidente
Foad Aodi 3387177238
                                  

Rispondi