Varese, il quartiere Belforte visto da Riva Destra

0
53

Riceviamo e pubblichiamo.

La sicurezza prima di tutto! Ma questo non si può dire per il malmesso quartiere di Belforte a Varese. La riqualificazione tanto sventolata, proposta e riproposta in tutte le salse con annunci sui giornali, passa anche dal rifacimento delle strisce pedonali oramai invisibili. Quel che è peggio è che l’attraversamento del quale mostriamo la foto è sul percorso che giornalmente decine di ragazzini della scuola vicina percorrono sulla via di casa. Posto poi che per qualche tempo c’è stata una pattuglia dei Vigili Urbani a controllare il passaggio degli studenti e che oggi non c’è più la questione sicurezza diventa di prim’ordine. Lo “zebrato” ormai invisibile non può essere sostituito dai segnali verticali, anche loro di dimensioni minime e a volte nascosti dagli alberi quindi si imporrebbe, in attesa della agognata riqualificazione di tutta l’area belfortese con nuova illuminazione, il giardino attrezzato al posto del mortale eternit in P.zza Gigli, la cura del giardino Molina del recupero dell’area di Via Bainsizza/Monte Santo ormai somigliante più a Beirut che Varese, almeno il rifacimento dei passaggi pedonali ahinoi tutti scomparsi da tempo.

Riva Destra Varese

 

Rispondi