TRA BUFALE E REALTÀ: ANCHE LA COMUNICAZIONE HA IL SUO DECADENTISMO?

0
60

Dopo le recenti polemiche Boccellato , resp. provinciale di Libertas precisa:

libertas 3

TRA BUFALE E REALTÀ: ANCHE LA COMUNICAZIONE HA IL SUO DECADENTISMO?

Molti credono che il Movimento Politico Libertas sia un partito come gli altri, ma vi possiamo garantire che ci divertiamo moltissimo facendo politica.
Se a questo aggiungiamo che almeno il 30% degli attivisti di MPL vivono praticamente su internet il tutto si sposta su una dimensione politica di altro livello.
D’altronde quando si pensa solo a fare politica, tra e per i cittadini, si rischia di essere additati come “fuori dagli schemi”.
Ma torniamo ad aspetto divertente che contraddistingue il movimento: lo studio della comunicazione e le sue declinazioni.
Il “decadentismo”, per esempio, sta distinguendo diversi soggetti aspiranti internauti in una vera e propria corrente di pensiero, se di pensiero si può parlare.
Ecco perché dedichiamo alcuni minuti della giornata, magari mentre ci beviamo il caffè, ad analizzare alcune sfaccettature di questa divertente variante decadentistica.
Ad incuriosirci un articolo dove si parla di noi.
Il link che vedete in basso porta all’articolo originale sul sito.
Ora ci chiediamo: potrebbe essere questo un caso di decadentismo della comunicazione?
Non vogliamo esprimere opinioni ma abbiamo notato dei dettagli interessanti che ci potrebbero accostare ad una valutazione personale.

QUANDO LEGGIAMO:

“Movimento Libertas, una delle liste che si candida alla guida della città il prossimo 31 maggio, sabato sera ha organizzato la propria presentazione ai sommesi. Unico piccolo dettaglio da registrare è che i sommesi non si sono presentati”

RIFLETTIAMO

► Come mai un sito locale ci tiene a mettere in risalto il disinteresse dei sommesi?
Stupiti dalla cosa ci siamo assicurati almeno del fatto che si tratta di un sito locale.

QUANDO LEGGIAMO:

“Ecco la sala praticamente deserta lo scorso sabato sera. Poca pubblicità, una sera sfortunata per parlare di politica, la nazionale in campo o il poco seguito per un movimento che a Somma si fa sentire per la prima volta e del quale si sa poco e nulla. Sicuramente saranno protagonisti in questa tornata elettorale per un motivo”

RIFLETTIAMO

► Ma le foto a che ora le avranno fatte? Come mai manca proprio l’ora?
Verificando ci siamo accorti che alle 3.00 cambiava fuso orario.

QUANDO LEGGIAMO:

“Si presentano con uno scudo crociato stilizzato con all’interno la scritta “Libertas”, a quanto ci risulta quello scudo, oggetto del contendere dopo la morte (apparente) della DC post tangentopoli, può trovare legittimo utilizzo solo nel partito di Casini. Pertanto non sono da escludere eventuali ricorsi ad avvocati e giudici da parte degli aventi diritto all’utilizzo del simbolo”

RIFLETTIAMO

► Ringraziando per il riconoscimento dello stile, cosa non facile oggi ma che comunque è riuscita, come mai nessuno si è accorto che non si tratta di una scritta ma proprio del nome del movimento e che tra l’altro sta alla testa dello scudo e non all’interno? Come mai qualcuno ancora si crea dubbi sul fatto che lo scudo, come si legge nell’articolo di Casini, lo voglia ancora qualcuno?

QUANDO LEGGIAMO:

“Anche per i grillini sommesi non è andata benissimo, sabato mattina infatti, Gavina Piredda e i suoi avrebbero voluto presentarsi alla città, pochissimi curiosi attirati forse dalla presenza del Senatore pentastellato Vito Crimi”

RIFLETTIAMO

► Come mai si legge solo di “certi movimenti” e di altri no? Solo una dimenticanza o forse perché solo gli unici movimenti che si “muovono”?

Non vogliamo entrare nel merito della sicurezza informatica ma sarebbe anche un tema da trattare per capire quando e come evitare il decadentismo 3.0 ma lo faremo più avanti.

Non vi nascondiamo comunque che molti ormai si alzano la mattina e mettono su un CMS acchittato alla meglio, ma da li a fare comunicazione “illuministica” ce ne passa!

Ma queste sono cose che alcuni, fortunatamente, non capiranno mai.

Rimane il fatto che sembra facile riconoscere le bufale in rete, ma non è difficile!

Rispondi