Cairate, il sindaco Mazzucchelli nega la cittadinanza italiana

0
76

Il caso è stato segnalato dalla Sig.ra RANI Pushpa, che pensava fosse concluso l’iter per la richiesta della cittadinanza italiana, avendo ottenuto risposta dal Ministero notificato al comune di Cairate in data 8 settembre 2014.
La signora scrive che : “Considerato che la Prefettura di Varese e il Ministero hanno attestato la sussistenza di tutti i requisiti idonei a conferire la cittadinanza richiesta, non si comprende il diniego da parte del Sindaco di codesto Comune a deferire il giuramento previsto dalla legge 5 febbraio 1992 art. 10”.
Nella sostanza la signora in questione sembra non abbia imparato bene la lingua italiana, tanto che il sindaco ha bloccato la sua pratica.
Il sindaco Mazzucchelli (Lega) ha sentito la signora dichiarando : “Non c’è stata alcuna discriminazione da parte mia o del Comune. La persona che presta giuramento per ottenere la cittadinanza italiana deve saper parlare italiano. Lo prevede la legge, deve saper leggere la costituzione”.

La legge in questione prevede che “entro sei mesi dalla notifica del decreto di conferimento della cittadinanza, la persona a cui lo stesso si riferisce deve prestare giuramento..”
E’ giusto che il sindaco sia stato così restrittivo? Poteva fare diversamente? E’ una presa di posizione politica?
Nel frattempo il sindaco ha suggerito alla donna di fare un corso di italiano…
costituzione italiana
Lottatoreunico

Rispondi