Brescia, riunione dei Popolari italiani per l’avvio della costituente dei popolari lombardi

0
95

Si sono riuniti a Brescia, Venerdì 20 Marzo, presso il convento dei Carmelitani il coordinatore per le regioni del Nord  della Federazione dei Popolari italiani, Ettore Bonalberti, con i responsabili delle porte di Italia Unica di Brescia, Piva Luca e Arturo Cappellini, con il coordinatore dei Popolari italiani della Lombardia, Pietro Sbaraini,  dell’associazione dei Liberi e Forti, Antonino Giannone e Pierluigi Massetti. Presente, infine, Tiziana Sala, in rappresentanza dell’associazione culturale 2009 SCI-VIAS e  Roberto Toninelli della lista “ Popolo in rivolta” partecipante alle prossime elezioni comunali di Rovato.

Hanno aderito all’iniziativa i rappresentanti di associazioni, movimenti e gruppi di tutte le undici province lombarde  e di molti comuni (Milano, Pavia, Mantova, Varese, Sondrio, Como, Brescia, Bergamo, Vimercate, Cinisello Balsamo, Paderno Dugnano, Cesano Maderno, Gorgonzola, Chiari, Rovato, Mariano Comense, Montichiari, Orzinuovi).

Oggetto dell’incontro: avviare anche in Lombardia il processo costituente dei popolari lombardi. Significativa la convergenza di intenti raggiunta da tutti gli intervenuti sulle proposte emerse nel recente incontro a Roma tra i rappresentanti della Federazione dei Popolari Italiani e di Italia Unica, il partito guidato da Corrado Passera.

Impegno a realizzare una credibile alternativa ai populismi del renzismo, espressione di un trasformistico socialismo europeo, del lepenismo estremista della Lega di Salvini, a quello del M5S  e del berlusconismo e per concorrere all’unità di tutte le componenti che si collocano nell’area del Partito popolare europeo.

Molto apprezzata la metodologia adottata dai costituenti della federazione del Veneto con i quali si intende avviare una proficua collaborazione per un comune  progetto politico che, partendo dall’assunzione della centralità della persona e dei corpi intermedi, possa favorire e sviluppare la partecipazione del “terzo stato” dei ceti medi e popolari produttori, oggi largamente tartassati e privi di una rappresentanza politica coerente con i propri  interessi e i valori, sempre più disgustato dalla  politica di una casta autoreferenziale ormai priva di ogni credibilità.

Si è deciso di organizzare tre importanti momenti di riflessione sulla principio di sussidiarietà da declinare in Lombardia nei settori del welfare, dell’economia e delle istituzioni  chiamando a al confronto “ i  mondi vitali” della società lombarda.

Prossimo incontro programmato per Venerdì 7 Maggio a Milano.

 

Ettore Bonalberti
Presidente A.L.E.F. (Associazione Liberi e Forti)
socio fondatore Associazione Democrazia Cristiana e coordinatore per le regioni del Nord della Federazione dei Popolari Italiani
Via miranese 1/A
30171-Mestre-Venezia
tel. 335 5889798

Rispondi