Islam, Co-mai: “Bene per il Ministro Alfano che ha accolto le nostre proposte su un Albo per gli Imam e a favore del coinvolgimento delle  Comunità, ma bisogna includere le Comunità più rappresentative ed anche i  laici per andare oltre le

0
25

Co-mai 

La Comunità del Mondo arabo in Italia
جالية العالم العربي في إيطاليا

 Comunicato . Riceviamo e pubblichiamo

 

Islam, Co-mai: “Bene per il Ministro Alfano che ha accolto le nostre proposte su un Albo per gli Imam e a favore del coinvolgimento delle  Comunità, ma bisogna includere le Comunità più rappresentative ed anche i  laici per andare oltre le divisioni”.

Così il Presidente di Co-mai Foad Aodi commenta le proposte del Ministro Alfano, esito della riunione con le Comunità musulmane per intensificare il confronto ed il dialogo con i musulmani in Italia.

“Ringraziamo il Ministro per avere accolto le nostre proposte avanzate  a gennaio durante la Conferenza stampa presso la Fnsi (Federazione Nazionale della Stampa Italiana)  dove è stato presentato il Manifesto Co-mai composto da 10 punti tra i quali il dialogo, la solidarietà  ma anche la  legalità  e la trasparenza per l’interesse comune.

Ci auspichiamo che Alfano coinvolga tutte le Comunità più rappresentative anche di carattere laico. La buona convivenza interessa tutti i cittadini italiani, di religione musulmana e non, per andare oltre le divisioni del passato della precedente esperienza della Consulta che ha prodotto solo divisione tra le comunità islamiche .

La Consulta delle Comunità musulmane deve avanzare delle proposte concrete e costruttive fondate sull’esperienza, sulla meritocrazia e  sul criterio di rappresentatività, e non deve certo essere un traguardo solo per un incarico o per il politico di origine straniera di turno che  suggerisca amici, connazionali e simpatizzanti.  Inoltre, chiediamo una Consulta nazionale per il dialogo inter-religioso coinvolgendo tutte le religioni per non dare il messaggio che il problema in Italia sono i musulmani ed evitare strumentalizzazioni politiche dannose”. Dichiara senza indugi il Presidente Aodi e prosegue:

”Vogliamo proposte concrete per costruire ponti di dialogo con i nostri Paesi di origine, sulle cose che ci uniscono e su quelle che ci dividono. La Co-mai ringrazia il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ed il Ministro degli Affari Esteri Paolo Gentiloni per il loro apprezzamento per il nostro lavoro ed attività e per la disponibilità che hanno mostrato nei nostri confronti. Un altro ringraziamento va al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti per avere delegato 3 Dirigenti della Presidenza per l’incontro con  la nostra delegazione congiunta Co-mai, Amsi ed Uniti per Unire al fine di intensificare la collaborazione con la  Regione in Sanità, immigrazione, dialogo inter-religioso e cooperazione internazionale. Ci auguriamo che questo sia solo l’inizio di uno scambio ancor più intenso e proficuo con la Regione Lazio”.

Cordiali Saluti 

Ufficio Stampa Co-mai 

 

 

Rispondi